Corsa o camminata? Benefici e rischi a confronto

Correre o camminare? Scegli bene Credits: Tipsimages
01/07
Foto

Due sport top a costo zero

La corsa è uno di quegli sport sempre più praticati, sia dagli uomini sia dalle donne. Fino a poco tempo fa si pensava che il running fosse un'attività destinata a pochi eletti ovvero a coloro che vantano fiato da vendere e muscoli allenati.

In realtà, sono sempre più le persone (con un'alta percentuale di donne) che si avvicinano alla corsa e, progressivamente, raggiungono ottimi livelli di prestazione.

Correre, infatti, ha moltissimi lati positivi da non sottovalutare: è a costo zero (eccetto che per le scarpe), si pratica all'aria aperta ma anche indoor (tapis roulant, palestra), fa consumare molte calorie, tonifica tutto il corpo, permette al nostro organismo di rilasciare una gran quantità di endorfine e di abbattere stress o ansia.

Ma, nella corsa, vi sono alcune insidie da tenere in considerazione: sollecitazione della colonna vertebrale, delle giunture e dei legamenti (soprattutto caviglie e ginocchia), eccessiva produzione di radicali liberi, crampi da inadeguata preparazione muscolare (stretching).

Quindi, coloro che hanno problemi ad articolazioni e schiena oppure sono obese e in forte sovrappeso, dovrebbero optare per la camminata. Anche quest'ultima permette di bruciare molte calorie, tonifica e riduce lo stress.

La corsa e la camminata sono due ottimi modi per rimettersi in forma, mantenendo una silhouette snella e tonica. Scegliere l'attività più adatta al proprio fisico è fondamentale, così come prevenire eventuali rischi

 

Riproduzione riservata