Dieta senza zucchero: effetti e benefici sull’organismo

dieta senza zucchero Credits: Shutterstock
01/09
Foto

Oltre all'immaginabile aumento di peso, una dieta ricca di zuccheri aumenta le probabilità di carie, malattie cardiache e diabete. Ecco perché è bene abituarsi a ridurre lo zucchero dalla propria alimentazione. Scopri come nell'articolo

Lo zucchero "occulto" è contenuto in molti cibi, è probabile che in una giornata se ne assuma più di quello consentito (la dose quotidiana consigliata è di 6 cucchiaini, pari a circa 100 calorie). Ecco allora consigli, cibi sì e no e trucchi per eliminare (gradualmente) lo zucchero dall'alimentazione e perdere peso in modo sano

Individuato come vero e proprio male del terzo millennio, causa di molte patologie sia croniche che acute, lo zucchero è oggi uno dei nemici pubblici più additato.

Per questo motivo, negli ultimi anni l’attenzione dei nutrizionisti, da sempre focalizzata sui grassi, si è invece concentrata nell’individuazione di una dieta a basso tenore di zuccheri.

Zuccheri e patologie

I dati epidemiologici parlano chiaro, circa un soggetto su 3 è in sovrappeso e più di uno su 10 obeso. Alla base di questa vera e propria epidemia, sembrerebbe esserci il consumo eccessivo di zuccheri, inteso non solo come “zucchero saccarosio” bensì come bevande dolci, prodotti da forno, farine raffinate etc etc.

Ad oggi, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e le altre principali società scientifiche, individuano nel consumo eccessivo di zuccheri una delle principali cause di:

- Sovrappeso ed obesità;
- Diabete;
- Ipertensione e patologie cardiovascolari;
- Stress ossidativo;
- Carie dentale;
- Cancro

Per questo motivo diventa importante riconoscere la presenza “nascosta” di zucchero e limitarne il consumo quotidiano.

Leggi anche: Cosa usare al posto dello zucchero

Dieta senza zucchero: cosa fare e cosa mangiare (e cosa no)

La così detta dieta senza zucchero, estremizzazione del concetto di cui stiamo parlando, rappresenta tuttavia una delle strategie dietetiche più apprezzate dagli esperti. In realtà, piuttosto che bandire totalmente dalle nostre tavole, certi tipi di alimenti, sarebbe opportuno effettuare delle scelte più oculate.

Di seguito, un elenco di semplici consigli, che potrà aiutarti a ridurre sensibilmente la presenza di zuccheri semplici nella tua dieta.

1. Controlla l'etichetta dei cibi

Spesso lo zucchero viene aggiunto anche agli alimenti che non si pensa siano dolci come ad esempio la salsa di pomodoro, i cracker e i condimenti. Più lo zucchero compare in alto nella lista degli ingredienti, tanto più è presente nel cibo che stai per acquistare.

2. Attenzione allo zucchero nascosto

Non sempre, infatti, ha il nome che ti aspetteresti, ma può essere "in incognito" (di solito tutte le parole che finiscono in -osio ma anche miele, succo d'uva, sciroppo d'acero...).

3. Modifica la tua lista della spesa

Una volta che hai imparato a riconoscere come lo zucchero "si nasconde" nei cibi, puoi modificare la tua lista della spesa. Ad esempio, compra solo alimenti etichettati come "senza zuccheri aggiunti" o "senza zucchero".

4. Abituati gradualmente all'assenza di zucchero

Non rinunciare alla bustina di zucchero nel caffè da un giorno all'altro, ma taglia le quantità a poco a poco in modo che il palato si abitua senza traumi.

5. No ai dolcificanti o agli edulcoranti

Non cedere alla tentazione degli zuccheri artificiali! Secondo uno studio pubblicato sul Yale Journal of Medicine, i dolcificanti ingannano l'organismo, crendo l'aspettativa di zucchero: una volta terminato in bocca l'aroma dolce, il corpo desidera un altro cibo dolce. Ecco perché i nutrizionisti sospettano che i dolcificanti siano responsabili dell'aumento del peso piuttosto che della sua perdita.

6. Impara a consumare verdure non amidacee

Ricche di sostanze nutritive, hanno poche calorie e aumentano il senso di sazietà più a lungo. In particolare, sono:

spinaci, cavoli, verdure a foglia verde, cipolle, cetrioli, funghi, cavolfiori, peperoni, bok choy, broccoli, cavolini di Bruxelles e asparagi. Contengono amido ma non in grandissime quantità: patate, zucca e patate dolci, che ti daranno sazietà senza aumentare i livelli di zucchero.

Quando puoi, consuma frutta con la buccia.

7. Sostituisci lo zucchero con le spezie

Un baccello di vaniglia o l'estratto di vaniglia stessa, le scorze di agrumi, cannella, zenzero, noce moscata: aiutano a controllare l'appetito e a dare sapore ai cibi. Evita il consumo di bevande dolci e non dolcificare bevande tipo tisane o tè, prova ad apprezzarne il gusto naturale.

8. Attenzione ai carboidrati raffinati

Sono ricchi di zuccheri perciò innalzano rapidamente i livelli di glicemia e scatenano i nuovi attacchi di fame.

Per ridurre al minimo i picchi glicemici, responsabili di fame e aumento di peso in un circolo vizioso, associa sempre un piatto di verdure al consumo di alimenti a base di carboidrati, così da ridurre la disponibilità di zuccheri. Inoltre puoi sostituire la farina di tipo 00, con una farina di tipo 1 o 2 o con farine integrali di altri cereali e preferire il consumo di cereali a chicco, piuttosto che di prodotti elaborati, dolci e prodotti da forno pre-confezionati.

Queste semplici precauzioni, ti permetteranno di mantenere il tenore di zuccheri semplici della dieta entro il 10% delle calorie totali della dieta, rispettando così le principali indicazioni. Oltre a sentirti decisamente meglio… riuscirai facilmente a perdere qualche chilo di troppo.

Riproduzione riservata