Zone erogene: la mappa del piacere

Le zone erogene, tra corpo e mente Credits: Photoshot
01/09
Foto

Forse non lo sai, ma le zone erogene non sono solo fisiche. Ecco una guida per scoprire la mappa del piacere e scrivere una nuova "geografia dell'orgasmo", tra corpo e mente, esplorando nuovi percorsi e giochi erotici

Parliamo di zone erogene, sono quelle aree particolarmente sensibili che, se stimolate, producono piacere, eccitazione, fino ad arrivare all'orgasmo, assicurando un sesso di qualità.. Quelle principali sono i genitali, e altre zone erogene comuni sono i capezzoli, l'ombelico...

Ma le zone erogene non sono le stesse per tutti, e anche le modalità di stimolazione che risultano piacevoli in una stessa zona cambiano da persona a persona. "Dipende dalla disponibilità e dalla tipologia di recettori sensoriali presenti in alcune aree del corpo, come pelle e mucose, ma anche nella profondità di tessuti muscolari e connettivali", spiega il sessuologo Alberto Caputo, Direttore Scientifico dello IES. "Ad esempio, alcune zone reagiscono alla pressione, altre alla trazione (quindi a movimenti di sfregamento, che trascinano i tessuti). Per questo, non tutte le zone erogene sono sensibili allo stesso modo e reattive alle stesse stimolazioni: ognuno ha la sua personale configurazione, che crea una sorta di mappa del piacere".

Non sono però solo alcune parti del corpo ad essere "erogene" e a contribuire all'eccitazione, anche la mente gioca un ruolo fondamentale: basti pensare a quanto il desiderio, le fantasie sessuali e l'autostima influenzino il piacere.

"Non dobbiamo dimenticare infatti che l'organo principale della sessualità, e responsabile delle nostre sensazioni, è il cervello: ci sono facoltà e condizioni mentali che andrebbero stimolate e coltivate per avere una vita sessuale soddisfacente. Sono quelle a rendere il sesso un'esperienza emozionante e intensa, oltre che semplicemente piacevole", aggiunge il sessuologo. "Il passaggio fondamentale che ognuno dovrebbe fare per godere appieno della propria sessualità, è capire cosa eccita e provoca piacere e quindi quali sono le proprie zone erogene e come stimolarle in modo efficace, a seconda delle proprie preferenze".

Ma come si fa a scoprire cosa fa davvero per noi? Solo sperimentando, giocando a creare nuove sensazioni, esplorando e ri-disegnando ogni volta la propria mappa del piacere. Insomma, le potenzialità del piacere sono infinite. Prendi spunto dal kamasutra per sperimentare nuove posizioni e stimolare zone erogene che non pensavi nemmeno di avere. Scopriamo insieme le più comuni.

Riproduzione riservata