Conosci le forme del pene?

Quando si parla di forme del pene, le dimesioni non contano. Non si sa bene quale sia la forma di pene preferita dalle donne quindi facciamoci un'idea delle forme più comuni: poi sarai tu a scegliere e... sperimentare!

Ogni uomo è diverso dall'altro e quindi, di conseguenza, anche ogni pene: non se ne trovano due uguali in tutto il mondo! Ma vi sono alcune caratteriste che li possono accomunare.

E non stiamo parlando di dimensioni bensì di forma, che nel sesso conta (comunque) molto: ne esistono di dritti a forma di cetriolo, curvi a forma di banana, a forma di cono, di fungo...

Insomma ognuna di noi può scegliere il 'frutto' (della passione) o la verdura che preferisce. Oppure sperimentare. Ci sono forme che permettono di raggiungere l'orgasmo in maniera più semplice durante il sesso , altre forme che rendono la penetrazione un po' più difficoltosa, e per questo ci sono anche posizioni del Kamasutra specifiche a cui ispirarsi. 

Scopri quali sono le cinque forme universalmente riconosciute, anche se siamo sicure che ne avrai viste di molto più strane!

Potrebbe interessarti anche: Misure del pene: conta di più lunghezza o larghezza?

  • Credits: Shutterstock
    1 A forma di cetriolo

    Questa è probabilmente la forma più comune di pene: è molto uniforme e quindi anche la più adatta al sesso anale. Si adatta infatti alla ristrettezza del retto perché anche il glande ha la stessa dimensione del resto del membro.

    Con un pene dalla forma a cetriolo, le posizioni sessuali convenzionali, le classiche, stimolano la vagina in modo uniforme. Ma occhio alla penetrazione profonda perché, se il pene è dritto, è anche molto lungo e potrebbe provocare dolore.

  • Credits: shutterstock
    2 A forma di platano

    La forma è simile a quella di un platano: più stretta alla base e in punta, più larga sul tronco. Questa, a quanto pare, è la forma migliore per la penetrazione: il glande più stretto facilita molto le cose, perché permette di 'spingere' senza problemi, inoltre il restringimento alla base lo rende adatto anche per la piena penetrazione anale. Infine, il tronco più grosso consente di stimolare al meglio la parete vaginale.

  • Credits: shutterstock
    3 A forma di cono (girato)

    Questo tipo di pene è certamente quello che ha più difficoltà nel raggiungere il punto G perché solitamente, a questa forma, si abbina una dimensione inferiore alle altre. Questo tipo di membro però permette una penetrazione meno dolorosa rispetto ad altre tipologie: la parte più stretta si allarga poi nella cavità vaginale, consentendo un'espansione ideale.



  • Credits: shutterstock
    4 A forma di fungo

    Il pene a fungo ha un glande particolarmente grande rispetto al tronco. Questa forma lo rende il membro ideale per praticare il sesso orale (tu lo riesci a stimolare al meglio), ti sconsigliamo invece il sesso anale perché una penetrazione profonda può essere dolorosa.

  • Credits: shutterstock
    5 Quando il pene è curvo

    La sua forma è quella che permette più facilmente di accedere al mitico punto G e assicurare un orgasmo a dir poco perfetto. A seconda della sua curvatura, si possono sperimentare diverse posizioni del Kamasutra: sperimenta e scegli quelle per voi più piacevoli. E ricorda: il lubrificante può diventare il vostro più caro amico.

Riproduzione riservata