Litigare “bene” si può: guida al litigio costruttivo

La causa scatenante non dura più di 5 minuti Credits: Corbis
01/05
Foto

Il litigio è un ingrediente fondamentale della coppia, anche se non è mai facile da affrontare e spesso ci fa stare male

Litigio di coppia

Secondo gli esperti, discutere molto all’inizio di una storia aumenta le chance che il legame tenga nel tempo. Il litigio è una modalità di comunicazione, nella quale emerge una maggiore apertura emotiva, nulla di grave o catastrofico se è costruttivo, a patto che non si verichi spesso e in modo pericoloso, che venga gestito in modo proficuo e non lasci strascichi.

Nel rapporto di coppia possono esservi delle divergenze e comunicare il proprio stato d'animo è un modo per confrontarsi con il partner e per far valere la propria identità, risolvendo un conflitto che potrebbe portare ad una crisi di coppia. 

Perchè si litiga? Ecco le cause

Abbiamo individuato i motivi di litigio più frequenti che accomunano le coppie. 

  • Primo fra tutti la famiglia di origine: talvolta non si riesce ad avere la totale indipendenza e il distacco dai propri genitori e questo potrebbe creare disagio nel partner che avrebbe un ruolo marginale nelle decisioni.
  • Questioni economiche: la gestione dei soldi non è mai facile, specie se in proposito si hanno abitudini diverse
  • A seguire, la condivisione degli spazi, nel senso di convivenza e condivisione dello stesso tetto e mancanza dei propri spazi, in quanto riappropriazione dei propri interessi e del proprio tempo.
  • Portarsi dietro amicizie storiche, che fanno emergere il passato, potrebbe non andare a genio al partner, essendo così motivo di battibecco. 
  • Le vacanze e le uscite che potrebbero far emergere preferenze e gusti diversi, motivo di disaccordo e scontro nella coppia.

I comportamenti dannosi più comuni nei litigi di coppia

L'utilità del litigio cammina spesso su un filo sottilo: perchè se è vero che litigare è utile a confrontarsi e quindi a cementare la coppia, è anche vero che con molta facilità si può scivolare nel litigio improduttivo. Il classico litigio fine a se stesso e che spesso rimane irrisolto, il quale - invece di diventare uno sbocco comunicativo e di confronto - diventa solo un modo per peggiorare la salute della coppia e la serenità di chi ne fa parte.

Vediamo quali sono i comportamenti più comuni delle coppie che litigano e che non fanno bene alla coppia:

  • non prendere in considerazione il punto di vista dell'altro,
  • avere atteggiamenti egoistici,
  • avere atteggiamenti di sfida,
  • avere un atteggiamento oppositivo,
  • non avere autocontrollo, 
  • portare rancore,
  • essere offensivi,
  • puntare ai punti deboli dell'altro,
  • non essere disponibile al confronto.

Come litigare in modo costruttivo

Come abbiamo detto il litigio è un momento importante per la coppia, ma con enorme facilità può diventare distruttivo. Ma come si fa a litigare in modo costruttivo? Niente paura: non esistono persone che sanno o non sanno litigare. Se il litigio si presenta quasi sempre come un evento negativo, bisogna attivare l'intelligenza emotiva per imparare a declinarlo in maniera che diventi un momento di crescita. E per fare questo bisogna osservare le nostre modalità e cercare di correggerle.

1. Osservare il modo di litigare

Il copione di qualsiasi litigata è quasi sempre lo stesso: si comincia discutendo della questione che ha creato discordia, e nel giro di poco si degenera, sfruttando altri argomenti, tirando in mezzo questioni del passato o rinfacciando tutt'altre cose, o peggio si arriva all'aggressione verbale. Fermatevi e "guardatevi": cercate di osservare bene dove siete arrivati discutendo.

2. Valutare se si innescano dinamiche pericolose

Una volta che avete individuato le vostre dinamiche è ora di fermarvi ad analizzare. Cercate di capire quali sono le dinamiche "pericolose", e cioè dannose, che esulano dalla questione su cui si discute e non fanno che creare ulteriore malessere.

Una volta isolate c'è un grosso lavoro da fare: dovete scegliere in maniera consapevole di non metterle più in atto. Quando vi ritrovate a discutere fate un grosso sforzo, mantenete la calma, e soprattutto restate incollati alla questione di cui si discute, senza trascendere in nessun modo.

Alcune persone tendono a perdere un po' di lucidità per via della rabbia: è una reazione assolutamente normale, ma allora sta a voi decidere di aspettare un po', calmarsi, e poi affrontare la discussione.

3. Vietato lasciare una discussione a metà

Molte coppie mettono in atto una strategia forse ancora più dannosa per superare le litigate: semplicemente fanno finta che non ci siano state.

In realtà è molto più comune di quello che pensiamo: lasciare una discussione a metà, metterci semplicemente una pietra sopra e far finta che non sia successo niente. Per il momento può sembrare una buona strategia per disinnescare dinamiche nocive, ma in realtà è come seppellire una bomba, che prima o poi tornerà alla luce.

Anche ricucire dopo lo strappo è un'abilità che si apprende insieme, ed è importante quindi arrivare fino alla fine della litigata, trovando un punto di incontro, anche se questo vuol dire fare un piccolo sacrificio.

Potrebbe interessarti anche Coppia in crisi: quali sono i segnali

Riproduzione riservata