Dipendenza da smartphone: i piaceri che si perdono ogni giorno

Credits: ©Corbis

La compagnia di chi ami

Perdersi in un abbraccio, fare passeggiate o semplicemente stare seduti su una panchina. Sono piccole azioni che vengono spesso interrotte dal “bip bip” di una nuova notifica. Provate a uscire lasciando il telefono in casa oppure se preferite in modalità silenziosa. Vi accorgerete di quanto sia piacevole passare del tempo assieme ad un’altra persona.

Non essere triste: sorridi. Non contare gli anni che passano: sorridi. Non avere rimpianti: sorridi. (da Cielochiaro)

Credits: ©Corbis

Godersi la natura

Un bel tramonto, il mare o un paesaggio mozzafiato. Anziché scattare fotografie con lo smartphone potete respirare l’aria, osservare i colori e le sfumature senza bisogno di un telefono per “catturare” tutte quelle emozioni e sensazioni. Godetevi il paesaggio che vi circonda.

La natura può allestire spettacoli straordinari. (da Vita di Pi)

Un pranzo in compagnia

Godersi un pranzo in compagnia di amici o colleghi, raccontandosi ognuno qualcosa, ma anche aneddoti e perché no qualche gossip? Pensate di farlo senza guardare neppure un attimo lo smartphone vi accorgerete di quanto è piacevole chiacchierare in maniera “reale” con le altre persone, osservare volti, sorrisi di chi ci circonda, oltre a gustarvi del buon cibo.

Mangiare è uno dei quattro scopi della vita. Quali siano gli altri tre nessuno lo ha mai saputo. (proverbio cinese)

Credits: ©Corbis

Il suono del silenzio

Nella vita di tutti i giorni dove il rumore la fa da padrone, provare la sensazione di “ascoltare” il silenzio è una bellissima sensazione, da provare la sera sul divano senza nessun device che possa rovinare questo momento di relax. Un momento tutto per voi, per staccare la spina e non pensare a nulla.

Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.
I ricchi comprano rumore. L’animo umano si diletta nel silenzio della natura, che si rivela solo a chi lo cerca. (Charlie Chaplin)

Foto

Una vera ossessione, quella di dover controllare lo smartphone, e interagire con le altre persone tramite le app o i social network

Da qualche tempo una nuova sindrome compulsiva sta facendo capolino nelle vite delle persone sempre connesse:

Un weekend offline, senza smartphone e social network:

Riproduzione riservata