Il paradiso delle Laccadive

Credits: Moretti

Viste dal cielo le Laccadive, l'arcipelago più selvaggio dell'Oceano Indiano, sembrano smeraldi lanciati in acque turchesi. Gocce di terra tempestate di palme, sparse lungo la costa sud-occidentale dell'India. Il loro nome indi è Laksha divi e significa Centomila isole, in realtà sono 36 di cui soltanto 10 abitate. Divise in due gruppi, le Amindivi a nord e le Laccadive (da cui prende il nome l’arcipelago) a sud, sono sparse su uno spicchio di mare di 200 chilometri quadrati. Gli atolli sono la cima di banchi di corallo su cui si è depositata una superficie di sabbia corallina. E i paesaggi lasciano senza fiato: lunghe strisce di spiaggia bianca separano il verde dei palmizi dal blu dell'oceano.

Qui nascono le tartarughe
Gli uccelli marini che volano nel cielo fanno delle Laccadive un paradiso per birdwatcher. Mentre i naturalisti sono attratti dalle tartarughe marine giganti che si riproducono sull'isola di Bangaram. Dopo l'accoppiamento in mare, tra maggio e luglio, le femmine tornano sulle spiagge di Parali e di Tinnakara. Verso il tramonto escono dall'acqua e scavano buche nella sabbia, depongono le uova e le ricoprono prima di rituffarsi, stremate, tra le onde. Per vedere i piccoli delle tartarughe rompere i gusci e prendere il mare ci si apposta all'alba. Ma prima conviene chiedere consiglio agli abitanti del posto: sanno da quanto le uova sono lì e con buona approssimazione valutano, secondo le temperature e il clima, i giorni della schiusa.

Credits: Simephoto

Qui regnano i sub
Bangaram è una destinazione molto amata dai sub. La barriera corallina si inabissa fino a 120 metri di profondità tra pesci e piante marine. Ci sono ben 40 specie di nudibranchi (della famiglia dei molluschi, ma senza conchiglia). E poi barracuda e cernie, mante sinuose e anemoni di mare, pesci pagliaccio, gorgonie e spugne. Se si vogliono fare innumerevoli immersioni, il posto perfetto per alloggiare è il Bangaram Resort: ha 30 cottage su una bella spiaggia e un centro diving con tutta l'attrezzatura sia per i sub sia per chi vuole dedicarsi allo snorkelling, alla pesca d'altura o al kayak. È anche possibile prendere lezioni di yoga e di meditazione.

Qui si esibiscono i fachiri
Le Laccadive sono abitate dai Moplah, una popolazione che mescola caratteri arabi e indiani. Sono per lo più pescatori di religione musulmana ma con regole matriarcali. Non a caso, Marco Polo, il primo europeo a visitarle, nel Milione le chiamò Minicoy, l'Isola delle donne. Oggi, in ciascuna isola, c'è una moschea riservata a loro e a dirigere la vita spirituale della comunità è una imam. Tre, invece, sono le moschee per gli uomini chiamate Jamath, Moidin e Ujira. Per vivere un’esperienza unica si può assistere a una delle molte funzioni, con tanto di esibizioni di fachiri. Una moschea molto bella è l'Ujira della capitale Karavatti. Decorata di splendide sculture in legno, è spesso scelta per celebrare i matrimoni Moplah. Durante la celebrazione gli uomini danno prova della loro abilità come ballerini nel kolkali, una vorticosa danza al ritmo di due bastoni.

Come arrivarci

Earth Viaggi (tel. 0341286793; www.earthviaggi.it) propone i voli, sei notti a pensione completa a Bangaram e due notti con sistemazione bed & breakfast a Cochin, nel Kerala, a 2.310 euro. Le Laccadive si possono visitare anche su una nave. L'Ocean Odyssey naviga per sei giorni tra spiagge e villaggi di pescatori dell'arcipelago. A bordo c'è un centro benessere ayurvedico ed esperti danno lezioni di yoga, astrologia e cucina indiana. La crociera è offerta da Godiva Viaggi (tel. 0276018240; www.godivaviaggi.it), abbinata a 3 notti in Kerala, da 1.990 euro con i voli.Attenzione, però: prima di partire per questo straordinario arcipelago, bisogna richiedere, oltre a quello per l'India, un visto aggiuntivo. Lo rilascia l'Assistant general manager sports (Indira Gandhi road, Kochi; tel. 0091/ 4842668387; indtourismkochi@sify.com). Per avere ulteriori informazioni: Turismo indiano, tel. 02804952; www.indiatourismmilan.com.

Foto

Le tranquille lagune turchesi confinano con l'azzurro del cielo, proprio come nei sogni più belli. Su queste isole, immerse nell'Oceano Indiano, la vacanza si fa in mezzo a una natura straordinaria. E mentre sotto le palme i ritmi sono cadenzati dal sole, in mare si va a curiosare tra pesci e coralli

 

Riproduzione riservata