Cos’è la sesta malattia? Ecco quali sono i sintomi e le cure

/5
di

Lidia Pregnolato

Colpisce i bambini tra i 6 mesi e 2 anni ed è causata da un virus che si trasmette per contatto e via aerea. Scopriamo cos’è la sesta malattia, come riconoscerla e come curarla

Avete mai sentito parlare della sesta malattia? Se non l’avete avuta da piccoli o se nessuno dei vostri figli ne è stato colpito, probabilmente no.

Vale comunque la pena sapere di cosa si tratta, come si riconosce e come si cura.

Che cos’è la sesta malattia

Iniziamo subito col dire che si tratta di una patologia virale - chiamata anche roseola, roseola infantum, esantema critico, esantema subitum o febbre dei tre giorni - che colpisce i bambini piccoli (di solito può occorrere tra i 6 mesi e i due anni) e che nella maggior parte dei casi non è ripetibile, a parte nel caso dei soggetti immunodepressi (per esempio HIV-positivi).

Sesta malattia: quali sono le cause?

A causare la sesta malattia – il nome deriva da un ipotetico conteggio delle malattie esantematiche dell’infanzia - sono due virus: l’herpesvirus umano (HHV) di tipo 6 e l’herpesvirus umano (HHV) di tipo 7, che colpiscono con maggiore frequenza in autunno e in primavera.

Dopo un’incubazione che può variare dagli 8 ai 14 giorni, la patologia si manifesta inizialmente con febbre alta, che cessa contemporaneamente con la comparsa dei primi esantemi. La trasmissione avviene per via aerea, cioè mediante un contatto diretto con il muco o la saliva dell’infetto o semplicemente parlando.

L’esantema avanza sotto forma di piccole macchie di colore rosa pallido che persistono un paio di giorni e che si distribuiscono per lo più sul tronco e sul collo, per poi passare al viso e all’attaccatura di cosce e braccia e che si accompagnano ad arrossamento della gola, infiammazione delle ghiandole linfatiche nella zona della mandibola e della nuca e con l’arrossamento delle congiuntive.

Il contagio

La sesta malattia non è particolarmente contagiosa e si diffonde attraverso le gocce di liquido provenienti dal naso e dalla gola delle persone infette. Queste gocce sono espulse quando la persona infetta parla, ride, starnutisce o tossisce.

Può essere trasmessa anche indirettamente, quando il bambino tocca superfici contaminate dal virus e porta poi le mani alla bocca, agli occhi o al naso.

Infine può essere causa di contagio chi, pur avendo contratto la malattia, ancora non ne manifesta i sintomi trovandosi ancora nel periodo d’incubazione.

I sintomi della sesta malattia

Anche se già accennati, riportiamo qui una lista completa di tutti quelli che possono essere i sintomi da non sottovalutare di questa patologia:

• febbre

• malessere generale

• mal di gola

• naso che cola

• tosse

• lieve diarrea

• perdita di appetito

• gonfiore dei linfonodi del collo

• esantema (che si manifesta con la sparizione della febbre)

Sesta malattia: le complicazioni

Nonostante la sesta malattia si risolva nel giro di pochi giorni, essa può comportare delle complicazioni: la febbre alta ad esempio, raggiungendo facilmente i 40 gradi sul termometro, in alcuni soggetti può essere artefice di convulsioni febbrili con conseguente perdita di conoscenza, irrigidimento muscolare e sussulti di gambe e braccia, seppur senza danni permanenti.

Si tratta di sintomi che possono spaventare e che devono essere segnalati al medico, ma che fortunatamente in genere non hanno conseguenze.

Raramente la fase pre-esantematica può vedere anche lo sviluppo di una meningite di lieve entità.

Come si cura la sesta malattia

Anche se tale patologia non necessita di una terapia specifica a base di particolari farmaci, se la temperatura corporea è particolarmente alta, il pediatra può prescrivere degli antifebbrili a base di paracetamolo.

Gli antibiotici non sono utilizzati perché la causa è un virus e non un batterio.

Da evitare invece la somministrazione di Aspirina, che è stata associata allo sviluppo di una sindrome potenzialmente mortale (Sindrome di Reye).

La cosa più importante, durante la malattia, è tenere il bambino a riposo, sempre ben idratato e monitorato.

La sesta malattia può colpire gli adulti?

È raro - ma non impossibile - che la sesta malattia si presenti tra gli adulti: ad ogni modo, quando l'Herpes virus di tipo 6 infetta l'adulto, i sintomi sono più pesanti.

Le probabilità d'insorgenza della malattia aumentano quando il soggetto è affetto da AIDS, ha subìto un recente trapianto d'organo o, più in generale, quando risulta immunosoppresso e le sue difese immunitare sono dunque al di sotto della normalità.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te