Tutti i modi per lavare il cane

  • 1 8
    Credits: Corbis
  • 2 8
    Credits: Corbis

    «Un manto bello è indice di benessere e buona salute» dice la toelettatrice Elisa Palamara. I cani di taglia piccola andrebbero lavati ogni 40 giorni: vicino al terreno raccolgono smog  e sporcizia  che non fanno respirare la pelle. La toeletta va fatta con minore frequenza se l'animale è grande. Ma bisogna spazzolarli sempre, in particolare quelli a pelo lungo per evitare che i nodi si infeltriscano e diventino dolorosi da sciogliere.

  • 3 8
    Credits: Corbis

    Ami fare da sola? Prepara dell'acqua tiepida in una bacinella, dove avrai diluito un po' di shampoo specifico per animali.  Massaggia il cane con la spugna, stando attenta a non fargli entrare acqua nelle orecchie o negli occhi, che sono delicati. Poi sciacqualo e, se vuoi, procedi con il balsamo. Quando hai finito, tampona l'acqua con delle pezze di microfibra e friziona. Poi, regola il getto del phon alla velocità più bassa e non al massimo della temperatura: non tenerlo troppo  vicino al cane e, mentre lo asciughi, spazzola.

  • 4 8
    Credits: Corbis

    Evita il fai da te se il pet ha nodi grossi, altrimenti rischi di farli infeltrire e poi ti tocca rasarlo a zero. Il toelettatore sa come interagire con il cane, come spazzolarlo e pettinarlo. Può accorgersi anche di altri problemi (zone di alopecia, rossori o irritazioni) e, se è necessario, regola le unghie e pulisce bene orecchie e occhi. Tutte cose che è sconsigliato fare se non si è dei professionisti.

  • 5 8
    Credits: Corbis

    I tempi per la toeletta variano da cane a cane: in media ci vuole un'ora se l'animale è curato. Prima di fissare l'appuntamento, porta il tuo cane in negozio per fargli conoscere l'ambiente, i suoni, gli odori e la persona che lo laverà. Accertati che il locale sia pulito: dopo il lavaggio devono essere disinfettati gli attrezzi, il tavolo e la vasca, per evitare la trasmissione di parassiti o malattie.

  • 6 8
    Credits: Corbis

    I self service sono una buona alternativa al lavaggio casalingo: la vasca è ad altezza giusta così sei comoda, non rischi di intasare gli scarichi di casa con il pelo del cane e non ti devi preoccupare se schizzi in giro. Puoi scegliere diversi programmi. In negozio trovi guanti e grembiuli usa e getta.

  • 7 8
    Credits: Corbis

    È meglio iniziare con l'igienizzazione della vasca, così il cane è al riparo da eventuali  germi. Poi ti servi di  acqua, shampoo e balsamo. Infine risciacqui, aspiri (che è una prima asciugatura) e finisci con il phon.  Puoi  anche portarti shampoo e balsamo da casa e usare solo la bocchetta dell'acqua. In molti negozi usi una tessera ricaricabile per attivare i programmi, ma anche per entrare. Poi ti chiudi la porta alle spalle e  sei al sicuro mentre lavi il tuo cane.  

  • 8 8
    Credits: Corbis

    Mai sentito parlare di toeletta a domicilio? Al bisogno chiami il professionista che ti lava il cane sotto casa, in un camper attrezzato di vasca, tavolo di lavoro, phon e specchi. Purtroppo, il servizio non è ancora diffuso in tutta Italia, ma se abiti in Lombardia puoi contattare washingdogsmilano.it.

Con il servizio a domicilio, a casa, al self service o dal toelettatore. Trova la soluzione giusta per il tuo pet.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te