Branded Story
In collaborazione con

I food trend per il 2018

Cosa mangeremo nel futuro? Gli esperti della famosa catena di supermercati bio Whole Foods, recentemente acquisita da Amazon, hanno studiato le abitudini e i gusti dei consumatori e delineato i principali 10 trend in ambito food per il 2018. Molti di loro vi sorprenderanno.

Sapori floreali, funghi medicinali, e superfood in polvere sono soltanto alcune delle tendenze che domineranno il prossimo anno. Ecco i 10 trend stilati dal gigante in campo alimentare e green:

1. Gusti e sapori floreali

Gli chef di tutto il mondo hanno da anni introdotto petali commestibili nella loro cucina, ma l’ispirazione floreale sta per arrivare in tutte le case in maniera più diffusa: non solo come decorazione estetica per abbellire le portate, ma per aggiungere sapore alle pietanze.

Il trend in arrivo riguarda gusti aromatici, creati introducendo nei piatti fiori interi e petali e infondendo sapori botanici in bevande e snack. Ad esempio, esistono drink come il Lavender Latte (latte con lavanda), il tè con l’ibisco, mentre il fiore di sambuco è uno degli ingredienti più richiesti per cocktail e bevande. Tra le accoppiate più stravaganti il marshmallow e le violette.

2. Superfood in polvere

Questo è un trend già consolidato: i superfood in polvere vengono usato quotidianamente ad esempio dai bodybuilder e dai food blogger. Secondo la ricerca di Whole Foods, spezie come matcha, la radice di maca, il cacao, la polvere di curcuma (spezia molto usata nella medicina ayurvedica), la spirulina, il cavolo, le erbe e altre radici domineranno il 2018.

I superfood in polvere sono versatili: si possono usare per “correggere” il latte macchiato, gli smoothie (milkshake), i frappè - per una carica di energia o un’alternativa al caffè - oltre a barrette nutrizionali, zuppe e cibi cotti, per migliorarne il gusto e le proprietà curative. Per.

In più, le polveri proteiche hanno benefici estetici: forniscono nutrienti come collagene per migliorare la salute e la bellezza della pelle e dei capelli.

3. Funghi medicinali

Un altro trend portato avanti dai consumatori più attenti alla salute sono i funghi medicinali, tradizionalmente usati come ingredienti di supplementi alimentari. Adesso, le varietà di funghi più ricercate come il reishi, il chaga, cordyceps e criniera di leone vengono utilizzate anche per bevande come caffè, tè e smoothie.

I sapori ricchi si prestano anche a zuppe di funghi, mentre le note più terrose e cremose ben si accompagnano al cacao, al cioccolato o al caffé. La frontiera dei funghi medicinali si apre anche alla cura del corpo: aspettatevi di trovare saponi, prodotti per i capelli e simili a base dei cosiddetti functional mushrooms.

4. Le influenze dal Medio Oriente

Secondo il gigante dei prodotti bio, i consumatori vorranno esplorare ancora più in profondità la cucina mediorientale, non accontentandosi di prodotti diventati ormai mainstream come l’hummus, la pita (un tipo di pane) e i falafel.

Nel 2018 emergerà il desiderio di scoprire le tradizioni più profonde e i piatti regionali di quelle culture, quindi domineranno ingredienti e spezie come harissa, cardamomo, za’atar, tahini e frutti disidratati.

La curiosità dei consumatori si concentrerà sulla cucina persiana, israeliana, marocchina, siriana e libanese, e su piatti come la shakshuka (piatto con cipolla, aglio, pomodori, peperoni, pepe nero, spezie varie e uova) e l’halloumi (un tipo di formaggio) grigliato.

5. Trasparenza 2.0

I consumatori pretenderanno una sempre maggiore trasparenza sull’origine, la provenienza e il packaging dei prodotti alimentari che andranno ad acquistare.

I supermercati accoglieranno questa necessità riportando informazioni sempre più dettagliate sulle etichette: lista completa degli ingredienti, specifiche OGM, certificazione di commercio equo solidale, produzione responsabile nel rispetto del benessere degli animali, e tracciabilità della materia prima.

6. La tecnologia avanzata nell’alimentazione

Le innovazioni in campo tecnologico e scientifico permetteranno di mettere a punto nuove ricette manipolando ingredienti e proteine provenienti da vegetali per creare piatti alternativi per ogni tipo di consumatore.

Ci saranno nuove varietà di latte e yogurt a base di noci di Pili, piselli, banane, noci di macadamia e noci di pecan, oltre a prodotti senza latticini come glassa, brownie, gelati, brioche e crème brulée vegani che potranno essere apprezzati anche da non vegani.

7. Snack alternativi

Gli snack croccanti rimangono sempre i più amati dai consumatori, ma le nuove tecnologie introdurranno in futuro anche versioni soffiate ed essiccate, utilizzando nuovi ingredienti.

Nuovi metodi di estrusione (modi di processare e combinare gli ingredienti) produrranno patatine di manioca, farfalline di pasta soffiata, fave di alghe e cluster di riso. Le normali patatine verranno rivoluzionate con l’utilizzo di jicama (una pianta rampicante messicana), pastinaca o cavolini di Bruxelles, creando una serie di patatine a base vegetale per tutti i gusti.

8. Taco dolci e con diversi ingredienti

La cucina latinoamericana continuerà ad essere di tendenza, soprattutto negli Stati Uniti, ma ci saranno delle variazioni negli ingredienti, ad esempio nell’involucro e nel ripieno dei tacos.

Il taco non sarà solo salato: esisteranno colazioni a base di taco dolce e ristoranti che offriranno taco dessert. In più si prevede un’evoluzione della tortilla, con varietà fatte di maizena e barbacoa (una speciale cottura della carne). Per i ripieni, nuove verdure a foglia, lattughe e alghe nei taco nel 2018. I taco saranno anche senza grano per i fan della dieta paleolitica.

9. Dalla radice allo stelo

Popolare nei ristoranti stellati, la cosiddetta cucina root-to-stem (dalla radice allo stelo), secondo la quale si utilizza ogni componente di un frutto o di una verdura, inclusi gli steli o le foglie che di solito non si mangiano, arriverà sulle tavole di tutti i consumatori.

Un tipo di cucina che combatte lo spreco alimentare, insomma, che farà scoprire gusti alternativi. Tra le ricette che vedremo nel 2018 ci saranno la buccia di anguria sott’aceto, il pesto di foglia di rapanello, e la crema di steli di broccoli.

10. Nuove bevande aromatizzate e frizzanti

Non solo alimentare: anche il campo delle bevande sarà rivoluzionato. Ad affiancare i classici predecessori zuccherini, arriveranno sul mercato nuove tipologie di bevande frizzanti: acque a base di prodotti vegetali come la linfa di acero e betulla, caffè effervescenti e altri drink gassati.

Non ci resta che attendere per provare questi nuovi trend!