Viverla Tutta, il coraggio di raccontare la malattia

  • 26 10 2015

“Com'è possibile che un cancro stia minando il mio corpo?” Marisa non poteva credere che la sua vita stesse cambiando radicalmente, che potesse essere messa in pericolo da un male inaspettato. Come affrontare le cure, i disagi della convalescenza? Come parlarne alle persone care? Incredulità  anche nella reazione di Giovanna di fronte alla diagnosi di Alzheimer della madre, una donna forte, indipendente, una vita fatta di lavoro instancabile e di grandi ideali.

“Ero combattiva, decisa a non rassegnarmi”, ricorda Marisa, mentre per Giovanna  il futuro è tutto da riscrivere insieme a sua madre.

In un solo istante la vita cambia, tutte le certezze sembrano vacillare. All’incredulità seguono il coraggio e la determinazione. Le storie di Marisa e Giovanna sono diverse, ma hanno molto in comune: entrambe hanno avuto la forza di affrontare la malattia e il coraggio di raccontarla. Lo hanno fatto donando la loro storia a Viverla Tutta, la campagna di comunicazione e impegno sociale promossa da Pfizer, un percorso di narrazione iniziato nel 2011, che ha portato oltre quattromila persone a raccontarsi sul sito www.viverlatutta.it, dando una risposta al forte bisogno di condivisione di chi si trova ad affrontare la dolorosa lotta contro la malattia.

Oggi Viverla Tutta ha scelto di dar voce a quattro storie con la realizzazione di video basati sulle testimonianze di Marisa, Giovanna, Debora e Annalisa che sono trasmessi da metà ottobre sulle reti Mediaset e sul web. Il messaggio è importante: dialogo e attenzione nel rapporto medico-paziente sono fondamentali, perché la malattia non va considerata solo come un insieme di sintomi, cause e rimedi. L’ascolto del vissuto paziente può dare indicazioni importanti anche al medico su diagnosi e terapia ed è quanto propone l’approccio della Medicina Narrativa.  Una pratica che se integrata con il dato clinico può portare a soluzioni   più adeguate, personalizzate ed efficaci.

Per saperne di più sulla Campagna e condividere la tua storia di malattia, visita il sito: www.viverlatutta.it e la pagina Facebook


.

Riproduzione riservata