Cura della pelle: i 5 errori da non fare

  • 1 5
    Credits: Corbis

    Errore N.1

    Usare i prodotti sbagliati

    Sbagliare cosmetici è molto più comune di quello che si pensa. Gli errori riguardano principalmente l'idratazione: o troppa o troppo poca. Oppure la detersione. Come fare acquisti beauty giusti? Individuando innanzi tutto il proprio tipo di pelle.

    - Se il viso si lucida già alle 11 del mattino hai la cute grassa, quindi opta per gel e fluidi leggeri che hanno un obiettivo mat senza dimenticare di apportare acqua. Pulisci il viso con gel seboequilibranti e la sera esfolia con formulazioni a base di acido salicilico.

    - Se la pelle tira già nel pomeriggio, è secca: nutrila con creme dalla texture corposa che evitino il più possibile la dispersione di acqua e l'impoverimento del film idrolipidico. Detergila con latte e tonico, mai con detergenti schiumogeni ad acqua.

    - La pelle sensibile invece è quella che procura sensazione di calore, bruciore e fastidi vari. In questi casi, le formule lenitive sono più indicate, sia nella cura che nella pulizia.
    In tutti gli altri casi, cioè se hai la pelle normale, scegli i cosmetici in base al clima: più leggeri in estate, più consistenti in inverno. E soprattutto, ascolta i messaggi che lancia la tua cute.

  • 2 5
    Credits: Corbis

    Errore N.2

    Non applicare filtri solari

    Il modo migliore per mantenere la pelle giovane e levigata è quello di proteggerla sempre dal sole, e non solo al mare in estate. I nuovi filtri solari da città sono formulati in texture talmente impalpabili da dimenticare di indossarli. Sulla pelle infatti non danno nessuna sensazione di pesantezza né di untuosità.
    Si applicano subito dopo la crema da giorno e in alcuni casi fungono da base trucco. In alternativa, scegliere creme giorno che abbiano un fattore di protezione 30 (in estate) o 15 (in inverno) oppure fondotinta arricchiti da SPF.

    La quantità giusta per il viso? Un cucchiaino da caffè. Se l'abitudine diventa quotidiana terrai lontane rughe, macchie e cedimenti cutanei.

  • 3 5
    Credits: Corbis

    Errore N.3

    Esfoliare troppo

    Esagerare con gli scrub inizialmente dà sollievo perché procura una sensazione di pelle pulita, ma a lungo andare questa si ribella producendo più sebo. E quindi si entra nel circolo vizioso delle imperfezioni che richiamano altri gommage e così via. Se invece la pelle è fragile e sensibile può sensibilizzarsi ulteriormente, manifestando rossori duri a scomparire.

    La quantità giusta è 1 volta alla settimana se la pelle è normale o secca, 2 volte se invece tende al grasso. I metodi? Gommage con microsfere: mai usare prodotti esfolianti con granuli grossi sul viso; o se preferisci spazzole e spugne in loofah da usare sempre bagnate.

  • 4 5
    Credits: Corbis

    Errore N.4
    Andare a dormire non struccata

    È ammesso 2 massimo 3 volte all'anno, e solo in condizioni estreme. Di notte, la temperatura del corpo sale, compresa quella del viso, e questo aumenta la capacità della pelle di assorbire qualsiasi cosa. Ovvero: sebo, polveri e impurità varie miste a residui di trucco, se non ti sei struccata; principi attivi benefici se hai applicato una crema da notte. Nel primo caso, la pelle diventerà sempre più impura per non dire tendente all'acne, nel secondo invece più bella.

    Tuttavia, per quanto sia una coccola beauty, struccarsi può risultare molto ma molto noioso, soprattutto dopo una lunga giornata. Contrasta la pigrizia prendendo l'abitudine di tenere sul comodino accanto al letto, i detergenti di "emergenza", come le salviettine struccanti o l'acqua miscellare che non necessitano di risciacquo con acqua corrente. Ti puoi struccare, quindi, sotto le coperte e in pigiama, senza stress. Subito dopo applica una crema da notte specifica per il tuo tipo di pelle.

    Sulla detersione serale, è opinione diffusa che bisogna sempre sciacquare il viso, perché nessun detergente asporterebbe il 100% del trucco. Però molti dimenticano che ci sono pelli che non tollerano il contatto con l'acqua del rubinetto, soprattutto di sera, come ad esempio quelle secche e sensibili. In questi casi, nessun senso di colpa se non ci si sciacqua il viso in bagno, ma si preferisce detergerlo senz'acqua in camera da letto.

  • 5 5
    Credits: Corbis

    Errore N.5
    Non lavare i pennelli da trucco

    Spennellata dopo spennellata, le setole "imbrattate" di residui di fard e ombretti, trasmettono germi e batteri sulla pelle, che si traducono in pori ostruiti, impurità e altre imperfezioni. Senza trascurare il fatto che danno una resa peggiore al make up: i colori delle polveri non saranno mai fedeli alle cialde dei vostri trucchi!

    Prendi l'abitudine di usare una soluzione antibatterica, specifica per pulire i pennelli dopo l'utilizzo. Si spruzza sulle setole, permettendo così una pulizia rapida e pratica. Ogni 2 settimane circa, invece, lava i pennelli per disinfettarli bene dall'accumulo di polvere e germi vari.

    Come?
    Puoi usare l'avio, una soluzione molto sgrassante che trovi al supermercato, oppure sapone di marsiglia solido e acqua corrente. Occhio a non immergere completamente il pennello nell'acqua al livello dell'attaccatura delle setole: potrebbero scollarsi.

    E lascia asciugare per tutta la notte, poggiando i pennelli su un ripiano che tenga libera la "testa": il bordo della vasca da bagno va benissimo. Questo metodo serve ad evitare che le setole prendano una brutta piega, e che anzi si ricompattano naturalmente.  

/5

Una guida "al contrario" per avere una bella pelle

 

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te