Ricevi i nostri consigli di cucina tutti i giorni

Leggere e sane, le bietole sono una verdura invernale, protagonista di diversi piatti della tradizione. Povere nelle calorie (ne contano 22 ogni 100 grammi), sono ricche di vitamine, soprattutto la C, di potassio e ferro. Contengono un'importante quantità di acido folico, indispensabile in gravidanza per lo sviluppo del feto, e di clorofilla, che nella digestione si trasforma in sostanze antitumorali. 

Le tipologie di bietole

Esistono le bietole da taglio, comunemente chiamate erbette, e quelle da coste, che hanno foglie più grosse, carnose e gambi di colori differenti. Entrambe hanno le stesse proprietà benefiche, contengono molta acqua e vanno acquistate e consumate fresche perché appassiscono velocemente e diventano facilmente nodose.

Come cucinare le bietole

Per preparare le bietole, lavale sotto un getto d'acqua corrente per eliminare eventuale terra rimasta tra le foglie e poi tagliale (se si tratta delle coste, non nel caso delle erbette!) sottili. Mettile a lessare direttamente in acqua bollente salata prima di utilizzarle per le tue ricette preferite. Se vuoi mantenere ancor di più le proprietà dell'ortaggio, usa la vaporiera. 

Le ricette con le bietole

Le erbette sono perfette per minestre, quiche e torte salate, vellutate, si abbinano bene ai legumi in generale (soprattutto ceci e lenticchie). Ottime come ripieno di ravioli o nell'impasto degli gnocchi, insieme alla ricotta, sono buonissime anche lessate e saltate in padella con olio extravergine d'oliva, aglio e peperoncino. Se vuoi un contorno light, condiscile soltanto con olio e limone. Le coste invece sono golosissime se lessate e cucinate con burro e parmigiano, come protagoniste di frittate, ma anche per dare sapore ad una semplice pasta. Un piatto da non perdere? I pizzoccheri valtellinesi, una pasta di grano saraceno condita con coste, patate, formaggio (normalmente Casera o Bitto), burro. Leggi tutte le ricette con le bietole

Quando coltivare le bietole

La bietola viene seminata tra marzo e aprile e, di nuovo, tra luglio e agosto. Non ha bisogno di un terreno particolare, ma preferisce il sole. Meglio preparare in inverno la terra con del concime organico. Essendo a ciclo biennale, è importante durante l'inverno coprire le piantine con delle campane per proteggerle.  

di Paola Toia Riproduzione riservata

Ricevi i nostri consigli di cucina tutti i giorni

Ricevi i nostri consigli di cucina tutti i giorni