7 luoghi comuni da smentire sulle madri che lavorano

Credits: Corbis
1 8

L'idea diffusa è quella che si possa essere una donna in carriera o una buona madre, ma che le due cose non possano andare a braccetto. Questo è vero solo in parte e solo in alcuni casi, spesso relativi al sistema di welfare di un Paese. Diversi, infatti, sono gli esempi di donne che riescono a conciliare la famiglia con la carriera, se messe nelle condizioni di poterlo fare.

Persino alcuni studi hanno dimostrato che le madri lavoratrici sono più propense dei colleghi a prendere di petto le situazioni di crisi e questo proprio grazie alla loro predisposizione in quanto madri. Ecco, quindi, quali sono i 7 stereotipi da smentire quando si parla di una madre sul lavoro.

 

/5

Unire carriera e famiglia è possibile. Sfatiamo i 7 stereotipi più fastidiosi sulle mamme lavoratrici

Essere madre è un po' una magia. Mettere al mondo un figlio è un'esperienza indescrivibile, che rende in un certo senso onnipotenti. Nel preciso istante in cui gli occhi del neonato incontrano quelli della madre, niente ha più senso per lei. La priorità diventa una e una sola: prendersi cura del proprio bambino.

Questo però non significa che una donna non possa essere parallelamente capace di gestire il resto della sua vita come faceva prima. Nonostante dimostrino continuamente di essere in grado di rendere possibile l'impossibile, molte donne continuano a dover fare i conti con una serie di pregiudizi per cui l'essere madre diventa un problema nel mondo del lavoro.

La realtà, però, è ben diversa: abbiamo raccolto 7 fastidiosi luoghi comuni sulle madri che lavorano e li abbiamo messi in discussione, uno per uno.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te