Burri vegetali:come farli in casa

Credits: Olycom
1 5

Cocco

Il burro di cocco è il diretto discendente dell’omonimo latte. Prepararlo è molto semplice! Prendete una confezione di latte di cocco, quella da mezzo litro sarà sufficiente, una ciotolina di vetro, un colino (a maglie non troppo strette, va bene quello che si una per infusi e tisane), ed un canovaccio pulito. Foderate la ciotola con il canovaccio, avendo cura di lasciare un po’ di spazio tra il vetro ed il filtro, e versate il latte poco per volta, lasciando che abbia il tempo di essere filtrato. Una volta terminata tale operazione, riponete tutto in frigo per circa 8-12 ore. Il burro è la parte solida che si deposita sul canovaccio.

/5

Il burro che viene dalle piante, un’alternativa leggera al grasso animale!

I burri vegetali, oltre a rappresentare un'alternativa Veg al comune burro, sono buoni, più leggeri e anche ricchi di tantissime proprietà nutrizionali. Il consiglio principe è tuttavia quello di consumarli con moderazione, poiché tali prodotti sono pure sempre ricchi di grassi (anche se "buoni"). Molti di loro, come ad esempio il burro di cocco, derivano dell'omonimo latte, e sono facilissimi da preparare in casa, in modo tale da gustarli sempre freschi, evitando conservanti ed additivi vari, ma sopratutto scegliendo e selezionando in prima persona le materie prime. I burri vegetali, come quello di arachidi ad esempio, il più famoso nel mondo fino ad adesso, possono essere consumati da soli, spalmati su una fetta di pane, oppure utilizzati nella preparazione di torte, muffin ed altri dolci in modo da renderli più leggeri.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te