Ovaio policistico: cause, sintomi e cure

Credits: Olycom
1 6

La sindrome dell'ovaio policistico (sigla PCOS, derivante dall'inglese PolyCystic Ovary Syndrome) è un disturbo del sistema endocrino, comune tra le donne in età riproduttiva. Chi ne soffre è affetto da un ingrossamento delle ovaie, organi situati sotto le tube di Falloppio e essenziali per la fecondazione e la riproduzione, dovuto all'accumulo di cisti liquide - i follicoli - facilmente individuabili tramite ecografia.

In presenza di ovaio policistico non vengono prodotti ovuli e il corpo libera molti androgeni (ormoni maschili); di conseguenza il ciclo mestruale della donna viene inibito o ostruito, diventando molto irregolare.

La causa esatta della sindrome dell'ovaio policistico è sconosciuta, ma una diagnosi precoce e il trattamento con le cure suggerite possono ridurre il rischio di complicanze a lungo termine, come il diabete di tipo 2 e alcune malattie cardiache.

Scopriamo insieme quali campanelli di allarme non sottovalutare e cosa fare in caso di dubbi.

/5

La sindrome dell'ovaio policistico è un problema piuttosto comune e, anche se non esiste una cura specifica, va tenuto sotto controllo. Scopriamo quali sono le sue cause, le possibili ripercussioni sulla salute e le cure utili

La definizione esatta di sindrome dell’ovaio policistico è ancora materia di discussione. Ciononostante le stime suggeriscono che fra il 5% e il 10% delle donne appartenenti a una fascia di età compresa fra i 18 e i 44 anni sono affette da tale disturbo che si manifesta solitamente a seguito della prima mestruazione – ma non è detto – e che, se non opportunamente trattato, può dar luogo a spiacevoli conseguenze, quali il diabete di tipo 2 e alcuni disturbi cardiaci.

La sindrome dell’ovaio policistico comporta un ingrossamento delle ovaie, organi essenziali per la fecondazione e la riproduzione, che si riempiono di piccoli accumuli di cisti liquide - i follicoli - facilmente individuabili tramite ecografia.

Le cure, che mirano più che altro a risolvere i sintomi del disturbo (irsutismo, ciclo irregolare, acne persistente ecc), comportano l’assunzione di famarci quali la pillola anticoncezionale, farmaci antiandrogeni, inibitori dell’aromatasi, regolatori di insulina o progestinici.

Da non sottovalutare poi l'importanza di uno stile di vita sano, un controllo del peso, un ciclo regolare e una giusta dose di attività fisica che possono contribuire a prevenire tale sindrome.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te