Quando cambiare i pneumatici: impara da sola 

 

COME E QUANDO CAMBIARE LE RUOTE ALL'AUTO

Tra le tante cose che una donna moderna dovrebbe saper fare, c’è senza dubbio quella di prendersi cura della propria auto. Prendersi cura di un’auto vuol dire avere la costanza di sottoporla a frequenti controlli e parallelamente essere in grado di accorgersi quando qualcosa non va.
Una parte dell’auto che ogni donna tende particolarmente a trascurare sono gli pneumatici. Questi devono essere costantemente controllati per garantire sempre la completa sicurezza su strada, agendo subito in caso di danni con la sostituzione delle gomme. Tali controlli servono essenzialmente a tenere costantemente d’occhio il grado di usura del battistrada, la pressione di gonfiaggio ed eventuali danni alle gomme. Le cause principali che comportano la sostituzione degli pneumatici sono:

 

Usura: molto importante controllare costantemente l’usura degli pneumatici, e per farlo esiste un modo molto semplice, solitamente  esistono sulla spalla dello pneumatico (la parte subito dopo il bordo del battistrada) dei simboli che indicano la posizione degli indicatori di usura che sono piccole barrette di rilievo poste sul fondo degli intagli. Così quando la superficie delle gomme del battistrada raggiunge il livello di queste lineette, vuol dire che lo pneumatico va sicuramente sostituito. Infatti il limite di altezza legale per il battistrada è di 1,6 mm, già a questo livello le gomme non garantiscono più la totale aderenza all’asfalto e quindi sono pericolose.

 

Invecchiamento: il tempo di durata di uno pneumatico non è prevedibile, ma essi invecchiano anche se non vengono utilizzati. Sono diversi i fattori che influiscono sulla durata di uno pneumatico, ad esempio il carico da sopportare, la velocità, la temperatura, la pressione ed anche lo stile di vita. Anche le condizioni in cui sono conservati possono determinare lo stato d’invecchiamento di essi. Ad esempio se utilizzate l’auto occasionalmente, oppure la tenete in garage per molto tempo, dovrete certamente sostituire gli pneumatici frequentemente.

 

Foratura: le forature sono sempre possibili nonostante gli pneumatici moderni siano molto forti e resistenti. In tal caso bisogna andare subito dal gommista, il quale, controllerà bene lo pneumatico e verificherà se sarà necessario sostituire la gomma oppure sarà possibile anche solo fare la bucatura riparando il foro.

 

COME SOSTITUIRE UNA GOMMA FORATA

Nel caso si dovesse verificare quest’ultimo punto è bene sapere come cambiare la gomma forata autonomamente. Prima di tutto è necessario cercare di posizionare l’auto su una strada pianeggiante in modo da non rischiare che questa si muova.
Prendete la chiave esagonale, posizionatela sul primo bullone e spingete verso il basso aiutandovi con un piede. Prima di rimuovere totalmente i bulloni posizionate il cric sotto la macchina (vicino alla ruota da cambiare) e sollevatela fino a che la gomma non si staccherà da terra.
Adesso potete procedere con la rimozione dei bulloni e di conseguenza dello pneumatico.
Fatto ciò non vi resta che inserire la ruota di scorta allineando i perni con i fori che ci sono sul cerchio.
Procedete con l’inserimento dei bulloni e avvitateli senza serrarli totalmente.
Infine abbassate l’auto con il cric, rimuovetelo, e stringete i bulloni senza esagerare con la pressione.

Seguendo queste poche e semplici indicazioni potrete cambiare autonomamente la gomma bucata senza attendere alcun aiuto.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/vivere-meglio/sai-quando-cambiare-i-pneumatici$$$Quando cambiare i pneumatici: impara da sola
Mi Piace
Tweet