Stare all'aria aperta

ALL'ARIA APERTA

In Paesi come Germania, Svizzera e Norvegia le maestre invitano i genitori a lasciare negli armadietti di scuola un cambio e... una tuta da sci! I pediatri confermano: stare all'aria aperta fa bene anche durante le giornate più fredde. I vantaggi? Le ricerche mostrano una minor incidenza dei malanni di stagione, più energia e vitalità. Le difese immunitarie migliorano con un risvolto positivo sull'umore, di frequente messo a dura prova dalle tetre giornate invernali. Grazie alla luce solare, infatti, si combattono ansia e stress. L'importante è seguire alcuni semplici accorgimenti.

Più felici e vitali grazie al contatto con la natura

Stare all'aria aperta è terapeutico per il corpo e per la mente

La luce solare costituisce un'ondata di puro benessere in grado di rivitalizzare l'organismo. Ami passeggiare? Rendi questa pratica un'abitudine: uno spazio tutto tuo da coltivare ogni giorno. Secondo l'OMS bastano 20 minuti quotidiani di buon passo per mantenersi in forma, con un cuore giovane e allenato. Camminare è il gesto più antico dell'essere umano, abbassa lo stress e migliora l'umore combattendo ansia e depressione.

A misura di tutta la famiglia

IL PIACERE DEL MOVIMENTO

Fare sport non significa semplicemente seguire un corso per un paio d'ore ogni settimana: si tratta di un vero e proprio stile di vita. L'obiettivo? Sentirsi in forma e percepire la propria vitalità in ogni cellula. Ecco perché è importante che sia un'abitudine condivisa a livello familiare. Organizza gite e momenti in cui coinvolgere tutta la famiglia. Trekking, bicicletta, corsa e lunghe passeggiate si possono praticare a ogni età. Camminare quando fuori fa freddo tonifica la pelle, stimola la circolazione sanguigna, allena il cuore e rende più forte il sistema immunitario, influenzando positivamente il metabolismo.

Luce solare contro la depressione

FAI IL PIENO DI LUCE

Oggi il cielo è nuvoloso? Non preoccuparti e... esci di casa! Secondo gli esperti anche quando il sole si nasconde gli effetti benefici della luce non tardano a farsi sentire nell'organismo. Grazie alle attività all'aria aperta il metabolismo si riattiva e l'endorfina entra in circolo. Il risultato è una vera e propria ondata di benessere dal corpo alla mente. La luce solare stimola la produzione di vitamina D e costituisce una riserva di energia preziosa per l'essere umano, tanto da combattere stres e ansia, osteoporosi e stanchezza cronica. Quando ti trovi all'aperto dedica qualche minuto, a occhi chiusi, ad assaporare la meravigliosa sensazione del sole sulla pelle: un bagno di luce rivitalizzante.

Abbracciare gli alberi

TERAPIA NATURALE

Numerosi studi hanno da tempo verificato gli effetti benefici del contatto con la natura su bambini e adulti. Abbracciare gli alberi? Può costituire una vera e propria terapia. Riscoprire il tatto attraverso le mani sulla corteccia ruvida, annusare il tronco dal vago odore di resina, accarezzare le foglie, chiudere gli occhi e mettersi in ascolto di ogni piccolo rumore costituisce un vero e proprio allenamento dei sensi. Attraverso gli spazi aperti ci riappropriamo di un tempo differente, ritornando in armonia con il ciclo vitale proprio di ogni stagione. Perché in natura niente è per caso. Ogni periodo dell'anno possiede una sua misteriosa magia.

Stretching dal corpo alla mente

CORPO PIÙ ELASTICO, MENTE PIÙ RILASSATA

Le tensioni muscolari si riflettono nei disturbi che ci affliggono quotidianamente. Secondo uno studio condotto dall'Università dell'Essex fare attività fisica in un'area verde può contribuire a ridurre la depressione nel 70 per cento dei casi, tanto che gli effetti positivi sul benessere psicofisico si avvertono già dopo una passeggiata di cinque minuti. Dedica 10 minuti del tuo tempo allo stretching. Oltre a sciogliere i muscoli e migliorare l'elasticità, ne avranno beneficio anche cervicale e contratture. Cerchi un hobby da coltivare all'aria aperta? Attività come l'orto o il giardinaggio sono una ginnastica per il corpo e la mente, migliorano l'autostima e aiutano a gestire lo stress.

Riproduzione riservata