Come funziona la terapia con i mandala

1/6 – Introduzione

Il termine Mandala, in sanscrito, significa “centro, circolo, anello magico” ed in origine era riferito a corpi celesti quali il sole e la luna .Si, ma cosa è nello specifico un mandala? Un mandala è un’immagine simbolica che si basa prevalentemente su cerchi e quadrati e che, grazie alle loro composizioni, rimanda alla sfera spirituale. Questa tecnica, se così la possiamo definire, è originaria dell’India e successivamente allargatasi alla cultura orientale in genere. In occidente si deve la sua espansione a Carl Gustav Jung. Un mandala è composto da cinque elementi competitivi del nostro universo: la terra (associata al colore giallo) l’acqua (bianco), il fuoco (rosso), l’aria (verde) ed infine lo spazio (blu). Vediamo ora come funziona la terapia meditativa con i mandala. Precisiamo che le modalità sono molteplici, qui ne analizzeremo tre.

2/6 Occorrente

  • mandala
  • pastelli
  • luogo tranquillo
  • musica zen

3/6 – Osservare un mandala

Uno dei metodi è quello osservativo. Troviamo un luogo tranquillo, lontano da ogni distrazione e fonte di stress, quindi prendiamo un mandala ed osserviamolo per circa cinque minuti. Questo ci farà rilassare e raggiungere la calma interiore. È fondamentale, prima di iniziare la contemplazione, compiere dei respiri profondi, così da raggiungere uno stato di calma ed essere il più rilassati possibile durante la contemplazione stessa. Se volete, potete accompagnare la nostra contemplazione con della musica zen rilassante. Da evitare assolutamente telefoni che squillano, televisori o quant’altro che possa distrarre il vostro rilassamento.

4/6 – Colorare un mandala

La metodologia forse più conosciuta al grande pubblico è senza ombra di dubbio quella di colorare un mandala. Vi basterà una semplice ricerca su internet, o nelle librerie, e troverete una moltitudine di esempi di mandala da colorare. Realizzarlo è semplice, basta prendere dei pastelli, e sbizzarrirvi a colorare il mandala scelto secondo il vostro gusto ed umore del momento. Noterete fin da subito lo stato di benessere che ne deriva. Così come per la contemplazione, prima di iniziare a colorare è fondamentale trovare un luogo tranquillo, compiere dei respiri profondi, magari ad occhi chiusi, quindi è possibile inviare a colorare. Ricordate che, ciò che andrete a realizzare, rispecchierà voi stessi e lo stato emozionale del momento.

5/6 – Creare un mandala

Questo è il metodo che richiede un poco di conoscenze in più rispetto agli esempi precedentemente descritti, ma anche quello che può portare maggior giovamento. A questo punto, una volta ultimato, si aggiungerà la metodologia del punto precedente dato che andrà poi colorato. Per realizzare al meglio un mandala sono necessarie delle piccole basi di disegno geometrico, ma vedrete che una volta ultimato vi sentirete amor più appagati.

6/6 Guarda il video

Alcuni link che potrebbero esserti utili

Riproduzione riservata