Gerani: tutte le varietà da conoscere e i segreti per coltivarli

Credits: fotoPelargoniumForEurope

Scopri come avere gerani stupendi, anche per decorare la casa. Un vero e proprio flower party per stupire tutti e festeggiare l'estate

Il geranio è uno dei fiori più amati, soprattutto grazie ai suoi colori vivaci e alla sua versatilità. I gerani fanno immediatamente estate, riempiono di allegria il balcone o il terrazzo. Ma non solo, il geranio può diventare un vero e proprio elemento di decorazione urbana. Protagonista della tavola, se reciso, è uno dei più piacevoli complementi d'arredo per un davanzale spoglio.

Non esiste una sola varietà di geranio, né può essere valida la semplificazione tra geranio tradizionale o geranio parigino. In realtà, la famiglia dei gerani è davvero ampia e conta varietà di cui spesso si ignora il nome. Ma che val la pena conoscere.

Gerani zonali e gerani edera: due grandi classici

I due grandi classici della famiglia del geranio, il cui nome botanico è Pelargionum, sono i gerani verticali (gerani zonali) e i gerani ricadenti (gerani edera). I primi crescono diritti, hanno foglie  carnose e fiorellini sistemati in una sorta di "palla". I secondi, invece, hanno steli più esili e crescono a cascata.

Questi ultimi, infatti, sono i gerani perfetti per arredare i balconi e i davanzali. Ma non solo, sono molto belli anche se posizionati in un cesto. I gerani zonali vanno "puliti" dai fiori secchi mentre quelli a cascata presentano il grande vantaggio di potersi "autopulire": i fiori secchi, infatti, cadono in questo caso spontaneamente verso il basso.

Il geranio ibrido: la varietà più resistente

Esiste, poi, una varietà di geranio ibrida. Si tratta dei gerani interspecifici, ovvero una via di mezzo tra i gerani zonali e i gerani edera. Sono innesti che hanno lo stelo molto forte, sono resistenti agli agenti esterni e fioriscono comunque a cascata.

Per cosa sceglierli? Sicuramente per fioriere da balcone ma sono bellissimi anche in un'aiuola, quindi quando si ha un giardino (anche piccolo) a disposizione. Potremmo definire i gerani interspecifici la varietà di geranio più versatile.


  • Credits: Pelargonium for Europe
    GERANI SPECIALI

    Esistono anche veri e propri gerani speciali, sono le varietà meno conosciute. Per esempio: gli Odorosi, i Regali, gli Angel e i gerani a Foglia Variegata.

    Gli Odorosi, come si può evincere dal nome, hanno foglie molto originali e soprattutto un profumo inebriante che spazia dalla rosa fino ad arrivare addirittura a fragranze inaspettate come lo zenzero, la mela, il cocco o il cioccolato.

    Si tratta di una varietà botanica eccezionale per respingere efficacemente gli insetti. Ma non solo, si usano persino per dare sapore a cibi o bevande.

    Da provare anche per profumare tutta la casa, partendo dal davanzale.

  • Credits: fotoPelargoniumForEurope
    GERANI REGALITra le varietà di geranio più particolari, troviamo i gerani Regali e quelli a Foglia Variegata. I primi, Pelargonium Grandiflorum, hanno fiori molto grandi dai colori sgargianti e una zona centrale che mostra nuance più scure. 

    Le foglie sono particolarmente vellutate e questo tipo di geranio fiorisce non in estate ma in primavera, proprio agli esordi della primavera.

    I gerani a Foglia Variegata, invece, hanno foglie dai diversi colori (verde intenso, bruno, marrone) e soprattutto con fantasie e colori che ricordano veri e propri pattern. Grazie alle striature e ai disegni che si formano naturalmente sulla superficie della foglia.

  • Credits: Shutterstock
    COME E QUANDO PIANTARLI

    I gerani sono i fiori dell'estate per eccellenza. Fioriscono di norma nel corso del mese di maggio. Vanno piantati all'esterno quando non fa più freddo e, durante il giorno, le temperature esterne sono a cifra doppia.

    I vasi e le fioriere ideali per i gerani non sono troppo piccoli perché questa pianta necessita di spazio e di terreno abbondanti.

    Il geranio ha bisogno di uno strato di drenaggio posizionato sul fondo e di un terriccio preferibilmente pre-fertilizzato. È consigliabile fare attenzione anche alla distanza tra una pianta e l'altre, che dovrebbe essere di almeno 20 cm.

  • Credits: Shutterstock
    CURA DEL GERANIO

    Innanzitutto, per una fioritura bella e sana, una volta alla settimana è consigliabile aggiungere un fertilizzante di tipo standard quando si innaffiano i gerani. Se si opta per le tipologie nuove di fertilizzanti, a rilascio lento, saranno necessari meno "richiami". Così come se si sceglie un terriccio pre-fertilizzato.

    Il geranio è una pianta che ama il caldo, dunque resiste anche alle temperature afose che spesso raggiungono gli ambienti urbani. Però è importante innaffiare la pianta con regolarià assicurandosi che il terriccio non asciughi mai completamente. Molto indicati sono, per esempio, i comodi vasi auto-innaffianti.

    Infine, il geranio immagazzina molta acqua e la rilascia poi lentamente. Ciò significa che anche se ci si assenta per un weekend, la pianta vive e "beve". Un vantaggio non da poco per chi vive in città e ama partire solo per il fine settimana.

  • Credits: Shutterstock
    DOVE POSIZIONARLI

    Terrazzo, balcone o davanzale: il geranio sta bene dappertutto perché arreda e porta l'estate in casa. Però è importante sapere dove posizionare vasi e fioriere per ottenere un incanto di fioritura, che duri il più a lungo possibile.

    Il geranio è originario del Sud Africa, quindi di un clima caldo. Perciò è bene posizionarlo al sole anche diretto di balconi, terrazzi o davanzali esposti a sud.

    Più sole riceve la pianta, più fiori nascono. Se l'ombra è parziale è tollerata ma è sempre bene che il geranio prenda sole e luce per quasi tutta la giornata.

Riproduzione riservata