1/7 – Introduzione

Senza dubbio il legno, esattamente come altri tipi di materiali, per poter rimanere integro ed esteticamente perfetto più a lungo, ha bisogno di particolari cure che consentano di salvaguardarlo da diversi fattori, come l’umidità, la polvere e i parassiti. Attraverso i passaggi successivi di questa guida ci occuperemo di scoprire come si deve procedere per pulire nel modo corretto tutti i mobili e gli oggetti in legno che abbiamo in casa. Tuttavia, è importante tenere presente che il legno è un materiale molto bello e pregiato, si presta a moltissimi utilizzi e, classico o moderno che sia, non passa mai di moda, anzi acquista sempre più valore col tempo: tutti questi sono i motivi per cui è necessario mantenerlo sempre integro e curarlo continuamente.

2/7 Occorrente

  • Pennello morbido.
  • Panni morbidi.
  • Detersivo liquido neutro.
  • Acqua.
  • Acqua ossigenata a 24 volumi.
  • Olio di lino.
  • Cera vergine o per mobili antichi.
  • Acquaragia.
  • Mezza cipolla cruda.
  • Panno di daino.

3/7 – Mobili laccati

Se dobbiamo pulire un mobile laccato, per cominciare la procedura prendiamo un panno inumidito con acqua e detersivo liquido neutro privo di sostanze abrasive; in alternativa, è possibile utilizzare una soluzione costituita da due decilitri di alcol denaturato e poche gocce di ammoniaca pura: in questo caso sarà semplicemente passarlo con molta cura su tutta la superficie del mobile. Successivamente sciacquiamo per bene ed asciughiamo subito con un panno morbido.

4/7 – Legno in ebano

Un altro metodo di pulizia altrettanto efficace consiste innanzitutto nello spolverare e nel passare rapidamente un panno imbevuto di aceto di vino rosso direttamente sul mobile. Successivamente bisogna trattare il legno con della cera per mobili: questa dovrà essere solida nel caso in cui si trattasse di superfici piane, mentre dovrà essere liquida per quelle intagliate. Dopo di che sarà indispensabile lasciare asciugare bene e lucidare con un panno morbido e pulito. Nel caso in cui, invece, avessimo la necessità di pulire dei mobili in ebano e tek, prima togliamo la polvere e successivamente, utilizzando un pennellino, distribuiamo dell’olio di lino, facendolo penetrare bene in tutte le fessure e gli intarsi. Infine, facciamo asciugare per bene e dopo lucidiamo con un panno morbido.

5/7 – Legno chiaro

Per quanto riguarda, invece, la pulizia dei mobili in legno chiaro sarà necessario passare un paio di volte all’anno un panno morbido e pulito imbevuto di acqua ossigenata a 24 volumi. Invece, per la pulizia dei mobili in legno di noce, dopo averli accuratamente spolverati, bisognerà passare un panno imbevuto di cherosene, lasciare assorbire per bene e infine lucidare. Per quanto concerne la pulizia del legno antico, bisogna ricordare che questo deve essere spolverato spesso, pulendo gli intagli con un pennello morbido. Per pulirli, sarà necessario passare sulla superficie un panno con cera vergine o specifica per mobili antichi. Infine, basterà semplicemente lasciare asciugare perfettamente, quindi lucidare.

6/7 – Legno dorato

Per la pulizia del legno dorato, bisogna iniziare andando a tamponare delicatamente con acquaragia scaldata a bagnomaria. In caso di sporco ostinato, invece, basterà solamente strofinare con molta delicatezza la parte dorata con mezza cipolla cruda. Per ravvivare la doratura, invece, sarà necessario strofinare con del succo di cipolla caldo, quindi si dovrà passare un panno bello morbido e pulito. Anche se la maggior parte delle volte, per fretta o poca conoscenza del materiale, tendiamo a pulire con panni umidi o prodotti da supermercato, il consiglio è quello di curare di più il vostro legno perché seguendo questi suggerimenti: mobili, cornici e porte in legno della vostra casa saranno sempre belli e splendenti.

7/7 Consigli

  • Se i mobili dovessero risultare molto sporchi, consiglio di passare un panno di pelle di daino sintetico imbevuto di una soluzione di tre cucchiaini di aceto per ogni mezzo litro di acqua e ben strizzato. Vedrete che splenderanno di nuovo…