7 cose a cui pensare prima di andare a convivere

Credits:
1 7

Lo spazio “fisico”

Gli spazi piccoli facilitano innegabilmente i litigi, perché si è costretti a condividere un’area ristretta anche quando, dopo una discussione, vorresti chiuderti la porta alle spalle e rimanere sola a sbollire. Il mito dei “due cuori e una capanna”, purtroppo, perde in fretta il suo fascino, e in questo senso – quando possibile – cerca di investire nella ricerca di una casa più grande, in modo tale da avere una stanza aggiuntiva dove ognuno di voi possa avere la sua privacy nei momenti in cui la necessita. A fronte di un’incidenza maggiore a livello economico, il tuo rapporto ne gioverà in serenità.

[Tutte le immagini della gallery sono tratte dalla serie tv “New Girl”, con Zooey Deschanel]

Andare a convivere è una decisione che cambierà a tua vita, e per questo motivo ci sono una serie di aspetti da valutare attentamente prima di prenderla

La convivenza è il banco di prova definitivo di ogni relazione d'amore, il test definitivo che mette alla prova la vostra affinità di coppia.

Decidere di andare a convivere col proprio partner è tutt’altro che una decisione da poco. Improvvisamente, infatti, passi da avere il “tuo” spazio a doverlo condividere con qualcun altro e – nonostante tu lo faccia spinta dall’amore e da un progetto comune – si tratta di un cambiamento di scenario e di prospettiva assoluto e totalizzante.

Se infatti da un lato coabitare col tuo compagno è uno step fondamentale nell’evoluzione della vostra relazione, dall’altro questo entusiasmo può spingervi a sottovalutare alcuni aspetti (anche logistici) da valutare con attenzione onde evitare recriminazioni future.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te