Bullismo: l’importanza dei genitori per prevenirlo

Credits:
1 5

Il fenomeno del bullismo viene sottovalutato e spesso "liquidato" come un normale passaggio di crescita tra i bambini e gli adolescenti. Nella realtà è un fenomeno odioso che genera un vero e proprio malessere sociale andando al di là del rapporto bullo-vittima. Ne viene coinvoltà la comunità, la scuola, la famiglia e i protagonisti si trascinano fino all'età adulta gli atti compiuti da piccoli, generando sofferenza a catena con le persone che incontreranno sul loro cammino. I bulli perché sono deputati ad andare incontro a problematiche antisociali e devianti. Le vittime invece rischiano sintomatologie di tipo depressivo o ansioso che rendono difficile una vita da adulti sereni. Ma quali responsabilità hanno i genitori in questo fenomeno? Tanta, più di quanto ci si possa immaginare. La vita familiare è infatti il terreno fertile capace di generare vittime e bulli. Conoscere i meccanismi psicologici e le dinamiche che possono portare il bambino piccolo sulla strada del bullismo (sia come vittima che come carnefice) può essere d'aiuto ai genitori per prevenire il fenomeno. La Polizia di Stato ha redatto un interessante documento che aiuta i genitori ad evitare di allevare il seme del bullismo all'interno della propria famiglia. Vediamo quali sono gli atteggiamenti da tenere o da evitare nei confronti del bambino.

/5

Gli atteggiamenti giusti per non crescere figli potenziali vittime dei bulli. E non allevare un futuro bullo

Bullismo: i dati sul fenomeno
Non è facile rilevare i dati sul bullismo essendo un fenomeno che di per sé si tende a nascondere: i sondaggi rischiano quindi di essere sempre in difetto rispetto alla realtà. Comunque, secondo l’indagine sulle condizioni dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia condotta da Telefono Azzurro e Eurispes nel 2011 e condotta su 1496 studenti tra i 12 e i 18 anni, le forme di prevaricazione più usuali sono la diffusione di informazioni false o cattive sul proprio conto (25,2%), le provocazioni e prese in giro ripetute (22,8%) ed essere ripetutamente oggetto di offese immotivate (21,6%). Ben il 10,4% dei ragazzi ha riferito di subire una continua esclusione dal gruppo dei compagni.

Le regole date con amore sono un pilastro per l'educazione (e la felicità) dei nostri bambini:

Per approfondire:

Hai dubbi sul fatto che tuo figlio subisca i soprusi di un bullo? Ecco i segnali che possono essere sintomo di questo fenomeno:
- Trovare scuse per non andare a scuola o voler essere accompagnati
- Fare frequenti richieste di denaro
- Essere molto tesi, piagnucolosi e tristi dopo la scuola
- Presentare lividi, tagli, graffi o strappi negli indumenti
- Dormire male o bagnare il letto
- Raccontare di non avere nessun amico
- Rifiutarsi di raccontare ciò che avviene a scuola

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te