Riconoscere e affrontare le emozioni del bambino

Credits: Corbis
1 7

La frustrazione davanti a un giocattolo che non funziona, la rabbia per l’ennesimo no di mamma e papà, la paura del primo giorno di scuola o del primo esame. Capricci? No: anche se vengono manifestate in modo drammatico sono reazioni sempre positive, a patto che i bambini imparino a riconoscere questi stati d’animo burrascosi.

«Se riescono, da grandi, potranno affrontare con serenità ogni evento della vita, bello o brutto che sia» spiega la psicoterapeuta Barbara Fabbroni, autrice di Solitudine. Il bambino smarrito (Eur, 20 euro). Per capire cosa provano, però, i piccoli hanno bisogno dell’aiuto di mamma e papà. «Che non devono mai criticare o reprimere le emozioni ma insegnare a gestirle» dice Sarah Cervi, psicologa dall’età evolutiva e autrice di Tutti i sì che aiutano a crescere (Newton Compton, 9,90 euro).

Ecco come, caso per caso.

/5

Rabbia, paura, invidia, gelosia, tristezza... tira fuori il meglio dalle sue emozioni “negative”. Perché, come dicono gli esperti, gli permettono di crescere

Per crescere un bambino sicuro di sé spronalo a essere autonomo. Le piccole conquiste d'indipendenza sono fondamentali per una crescita armoniosa.

Scopri le regole per comunicare con efficacia con i tuoi bambini. Perché il dialogo genitori-figli è un aspetto importantissimo della vostra relazione.

Uno studio del Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione dell’Università di Milano-Bicocca ha dimostrato come i bambini che riescono a esprimere le proprie emozioni sono più empatici e sviluppano migliori abilità cognitive.

E tu, come reagisci quando tuo figlio si fa travolgere dalle emozioni?

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te