È saputello ed egocentrico

È saputello ed egocentrico Credits: Corbis
04/06
Foto

Per smussare questi tratti fastidiosi il bambino deve imparare a collaborare con gli altri. «Sono utili gli sport dove, per vincere, si costruisce con i compagni una strategia ma, allo stesso tempo, non sono previsti ruoli dominanti e di primo piano» spiega la dottoressa Gerin Birsa. «Ottima la pallavolo: i componenti della squadra ruotano sempre e chi prima stava in retroguardia a recuperare la palla subito dopo può piazzare una schiacciata vincente. Sotto i riflettori si sta a turno e il successo viene condiviso».

Le alternative

Per i piccoli vanitosi va bene anche il basket: i ruoli cambiano spesso, le sostituzioni non hanno limiti e tutti possono fare canestro. «Per chi punta a uno sport individuale ci sono le arti marziali dove le prove non consistono nell’arrivare prima di un altro, ma nel perfezionare la tecnica. In particolare, il taekwondo insegna il rispetto per l’avversario, la devozione verso il maestro e una buona dose di umiltà».

Riproduzione riservata