Una casa a prova di influenza

IN BAGNO
Ogni giorno usa un disinfettante per pulire i sanitari,  facendo attenzione ai rubinetti, toccati da più mani. "Ognuno deve  avere il proprio asciugamano o in alternativa usare salviette di carta"  consiglia Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Università di Milano. Non  tenere gli spazzolini da denti uno vicino all'altro e, una volta  passata l'infezione, elimina quello della persona malata. "È una mossa  vincente: i virus dell'influenza e del raffreddore, e batteri come gli  streptococchi, sopravvivono a lungo sulle setole".
Sfoglia la gallery per scoprire come igienizzare la casa, ambiente per ambiente...

Bambini e influenza: come evitare il contagio in casa

Qualcuno si è ammalato, urge evitare che contagi tutta la famiglia. Stanza per stanza, il virologo ti dice cosa fare

Il virologo Fabrizio Pregliasco dell'Università di Milano, ci spiega come disinfettare gli ambienti di casa per evitare la proliferazione dei germi responsabili dell'influenza

Igiene in cucina

In cucina
Disinfetta piani di lavoro, maniglie e interruttori che si toccano spesso. "L'arma letale è la candeggina: 100 ml in 1 litro d'acqua, da risciacquare dopo 5 minuti" suggerisce l'esperto. Insegna al bambino a lavarsi bene le mani prima di andare a tavola: vanno strofinate con il sapone per 30 secondi e sciacquate per altri 30.

In soggiorno: disinfetta telefoni e plaid

In soggiorno
I germi si trasmettono più facilmente attraverso superfici non porose, come plastica, legno, metallo. Quindi agisci su telefoni (vero ricettacolo di microbi: 300 volte quelli che trovi in bagno!), consolle, tastiere e telecomandi. Lava anche cuscini o plaid usati dal malato.

Camera da letto: aria pulita e giusta umidità

In camera da letto
"Arieggiarla 5 volte al giorno, 5-10 minuti alla volta, è il modo migliore per allontanare i germi" conferma Pregliasco. Se in casa ci sono altri bambini, falli dormire in stanze diverse e passa una salvietta antibatterica sui giocattoli. Per aiutare a liberare le vie respiratorie mantieni il giusto tasso di umidità (intorno al 50-60%). Puoi usare un asciugamani bagnato sul calorifero o un umidificatore: secondo i ricercatori dell'americana Mayo Clinic, così riduci la proliferazione dei germi nell'aria.

Riproduzione riservata