Bullismo tra fratelli

Credits: Corbis
1 4

Si parla spesso di prevaricazioni e violenze sui banchi di scuola. Ma cosa succede quando la vittima e il carnefice appartengono alla stessa famiglia? Un'eventualità non così rara e che può avere ripercussioni sulla vittima peggiori di quelle del bullismo fuori casa.
I litigi tra fratelli, si sa, sono all'ordine del giorno e fanno parte del naturale sviluppo di crescita. Ma c'è una sottile linea che, se oltrepassata, trasforma un comportamento fisiologico in un vero e proprio disagio psicologico. E quel che aggrava il fenomeno è la tacita approvazione dei genitori a tali comportamenti, i quali non si rendono conto che quelli che sembrano normali litigi sono in realtà vere e proprie violenze, fisiche e psicologiche, paragonabili al bullismo.
Qual è la differenza sostanziale? La vittima non può mai sfuggire al suo prevaricatore visto che deve condividere con lui la quotidianità e l'intimità della casa. Mentre con il "calssico" bullismo, la vittima, almeno dentro casa, può sentirsi al sicuro.
Ma come capire che i normali litigi dei nostri figli possono sfociare in bullismo vero e proprio?

/5

Un disagio psicologico ancora poco conosciuto: il lato oscuro di un fenomeno in crescita

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te