Arriva il secondo figlio: 3 spunti per riorganizzare la routine familiare

  • 1 4
    Credits: Olycom

    L’arrivo del secondogenito è un momento assolutamente magico: è bellissimo immaginarsi in quattro, seduti sul tappeto a giocare o la sera davanti a un bel libro di favole.
    Eppure ci sono anche alcune piccole ansie che accompagnano i futuri bis-genitori e che spesso riguardano il nuovo stravolgimento della routine familiare.

    Se infatti l’arrivo di un bebè risulta già essere un piccolo terremoto all'interno di quello che è un equilibrio consolidato negli anni, l’arrivo del secondogenito spesso richiede qualche sforzo in più per tararsi su nuove frequenze in breve tempo. Un doppio stravolgimento che, a volte, può apparire destabilizzante e piuttosto faticoso.
    Eppure, con un pizzico di organizzazione e con la giusta dose di consapevolezza, scoprirete che, in fondo, sarà tutto assolutamente naturale e che la quotidianità tornerà presto a scorrere serena.
    Sfoglia la gallery e scopri con noi cosa cambia nella routine familiare con la seconda maternità e come affrontare al meglio le prime difficoltà a quattro.

  • 2 4
    Credits: Olycom

    Pronti, partenza, via!

    Quando arriva il primo bebè in famiglia spesso ha inizio un periodo unico in cui la maternità viene vissuta in modo totalizzante. Riposare quando il bambino dorme, adattare gli orari dei pasti ai suoi, vivere in totale simbiosi con il proprio figlio è normale per una neo-mamma nel corso dei primissimi mesi del suo piccolo, mesi in cui i novelli genitori hanno la possibilità di tararsi su nuovi ritmi in modo piuttosto graduale.

    Con l’arrivo del secondo figlio non si ha la stessa possibilità di adattamento lento: c’è il primogenito a cui pensare e la routine per lui si deve modificare il meno possibile. Già a pochi giorni dal rientro a casa infatti la neo-mamma si troverà a doversi destreggiare tra scuola, parco e faccende domestiche. Oltre a dover far fronte alle incombenze riguardanti la gestione del bebè ovviamente.
    Anche il riposo sarà più difficoltoso: spesso infatti non sarà possibile trovare un attimo per sé durante i riposini del piccolo di casa, come accadeva invece nel corso della prima maternità, in quanto quei momenti saranno risorse preziose da dedicare in modo esclusivo al primogenito.
    Non temete però mamme: per quanto impossibile possa sembrare, la sola presenza del primo figlio, bisognoso di affetto e cure, vi renderà molto più attive e piene di energia di quanto possiate pensare.

    Tuttavia, anche per le più organizzate e indipendenti, il consiglio migliore è quello di accettare l’aiuto di nonni e amici per riuscire a recuperare un po’ di tempo prezioso, riposare e gestire le esigenze di tutti in modo più sereno. Con il tempo i meccanismi si metteranno in moto spontaneamente e una nuova routine familiare verrà ristabilita con naturalezza.

  • 3 4
    Credits: Olycom

    Mamma e papà: che coppia!

    La nanna, i cambi di pannolini, le poppate per il piccolo di casa. E poi ancora: i giochi, la preparazione di pasti e bagnetti, le attività da organizzare per il primogenito.
    Con due bambini in casa c’è davvero molto da fare. Potrà accadere inoltre che le esigenze primarie del neonato si incrocino con quelle del maggiore e, in quelle occasioni, le scorte di pazienza ed energia saranno messe decisamente a dura prova.
    Con un figlio molte mamme riescono a gestire in autonomia tutte le incombenze relative alla cura del nuovo arrivato, ma con la nascita del secondogenito questo non sarà più fattibile perché, molto semplicemente, non è possibile “sdoppiarsi”.

    Fondamentale quindi sarà senz'altro coinvolgere di più il papà nei momenti cruciali della giornata, nella misura in cui questo sarà possibile ovviamente. La cosa fondamentale è fare in modo di essere “intercambiabili” in qualsiasi situazione, in particolare nella soddisfazione delle esigenze primarie dei bambini.
    Capiterà infatti spesso di doversi “dividere” i figli, sia per questioni di esigenze pratiche sia per poter dedicare ai piccoli dei momenti di attenzione esclusiva. Sarà quindi fondamentale che i bimbi siano abituati ad essere accuditi da entrambi i genitori, senza troppe differenze.
    Lasciare inoltre che il proprio marito al rientro dal lavoro si occupi di compiti come l’addormentamento del bebè o il momento del bagnetto permetteranno anche alla bis-mamma di concentrarsi su rituali stabiliti in precedenza con il figlio maggiore e di gestire la situazione senza troppe ansie.
    Con il passare dei mesi vi renderete conto che questo atteggiamento si rivelerà molto utile e costruttivo nella gestione dell’intera quotidianità dei bambini. Fare squadra è sempre una scelta saggia!

  • 4 4
    Credits: Olycom

    Strategie vincenti: semplifichiamoci la vita

    Quando cresce la famiglia, soprattutto durante il primo periodo, anche le normali incombenze possono diventare più complicate e faticose.
    Una comune spesa al supermercato, ad esempio, con due bambini piccoli può trasformarsi in grande fonte di stress per tutti i membri della famiglia.
    Cercare quindi di semplificarsi la vita, eliminando tutte quelle commissioni che prima apparivano perfettamente normali e cercando alternative più veloci e snelle, equivale a risparmiare tempo prezioso e, soprattutto, energie.

    La gestione della casa ad esempio può essere alleggerita: pensare di mantenere un ordine perfetto con due bambini piccoli che scorrazzano ovunque è pura utopia! L’importante è concentrarsi su ciò che è fondamentale e dividersi i compiti in modo organizzato. Laddove possibile poi, un piccolo aiuto in casa può rivelarsi davvero prezioso.
    Un’altra ottima idea è quella di fare la spesa grossa una volta a settimana, possibilmente online, e di fare buona scorta di cibo per evitare di dover provvedere all'acquisto di alimenti quotidianamente.
    Quando si ha del tempo a disposizione da dedicare ai fornelli inoltre si può pensare alla preparazione di piatti che consentano di essere conservati in piccole porzioni. Questo perché preparare ogni sera una cena nutriente e sana con due bambini a cui fare il bagnetto dopo un pomeriggio al parco può risultare più complicato di quel che sembra!

    Sono solo alcuni spunti ovviamente, non esiste un equilibrio universale. Sta ai membri di ogni singola famiglia creare una nuova routine sostenuta da strategie di sopravvivenza cucite ad hoc sulle proprie abitudini ed esigenze.
    La ricetta perfetta per ritrovare l’equilibrio giusto però è una: dialogo, ascolto reciproco e un pizzico di pazienza. La routine perfetta, tentando e ritentando, arriverà e allora sarà davvero tutto bellissimo!

L’arrivo del secondo figlio è un evento bellissimo! Ma attenzione: la routine familiare sta per subire una nuova scossa. Ecco qualche consiglio pratico per affrontare i cambiamenti con serenità

Un nuovo fiocco sta per essere appeso alla porta di casa e tutto appare bellissimo ed emozionante. L’arrivo del secondo figlio è infatti una meravigliosa avventura da affrontare con carica positiva e tanto amore, ma che richiede anche un pizzico di organizzazione e di consapevolezza in più.
Non ci sono dubbi: la routine familiare sta per subire una nuova scossa e sarà molto differente da quella che aveva accompagnato l’arrivo del primo figlio.
Sarà necessario stabilire un nuovo ordine, sintonizzarsi su nuove frequenze e, questa volta, bisognerà farlo rapidamente perché i cambiamenti coinvolgeranno anche il primogenito.
Questo quantomeno è ciò che preoccupa la stragrande maggioranza dei bis genitori in attesa ed è assolutamente normale.

Può sembrare davvero dura in effetti, ma niente panico: inizialmente le novità sembreranno stravolgere la quotidianità ma, con la giusta dose di coscienza e con un pizzico di preparazione in più, sarà meno difficile di quel che sembra.
Scoprirete che tararsi sulla nuova routine a quattro sarà qualcosa di assolutamente spontaneo, l’importante è liberarsi dall'ansia e capire ciò di cui la propria famiglia ha bisogno, ritrovando così il ritmo in modo naturale.
Sfoglia la gallery e scopri con noi tre spunti pratici per affrontare al meglio i primi momenti difficili e ristabilire la routine familiare con serenità.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te