4 frasi da non dire a una neomamma

Credits: Olycom
1 5

Dopo il parto, la neomamma si ritrova sommersa da tutta una serie di emozioni, tra loro anche contrastanti. Infatti, alla gioia della nascita si sommano sensazioni diverse e spesso non semplici da interpretare e gestire. Tra quest'ultime, sono frequenti l'ansia, le preoccupazioni e una percezione di inadeguatezza (soprattutto se si è al primo figlio).

Inoltre, non sono da sottovalutare i fastidi fisici del post-parto e della montata lattea, senza contare gli eventuali inconvenienti o intoppi legati all'allattamento al seno. Il tutto, per alcune mamme, è aggravato da una costante mancanza di sonno. Le prime settimane a casa con il bebé sono, quindi, bellissime ma complicate e delicate.

La neomamma ha bisogno di amore e vicinanza, di ascolto ma non ha certamente bisogno di nuovi dubbi, ulteriori ansie e critiche velate. Le parole, in queste circostanze, assumono una portata enorme e devono essere ben calibrate, così come i toni. Tutto ciò vale sia per il partner, sia per chiunque si trovi a far visita a una neomamma.

Con una menzione particolare per le generazioni di suocere, mamme e zie. Infatti spesso, più che di parole, la neomamma avrebbe bisogno di gesti concreti e pensieri carini. Dal regalo per la mamma a un pavimento lavato: sono molti i gesti graditi che possono soppiantare frasi azzardate e inopportune.

/5

Ci sono frasi che sarebbe proprio meglio evitare di dire a una neomamma. Perché inopportune, fastidiose e, spesso, infondate

 

Il periodo che segue il parto non è semplice per la neomamma. Infatti, agli inevitabili fastidi fisici spesso si sommano anche sbalzi d'umore, ansia e senso di inadeguatezza. In questo quadro delicato, complicato anche per chi le sta accanto, le parole assumono una portata enorme. E, dunque, è bene fare attenzione a ciò che si dice alla neomamma. Le frasi migliori sono quelle positive, incoraggianti e rilassanti (nei contenuti e nei toni). Da evitare assolutamente le domande "tendenziose" su allattamento e sonno del bebé, così come riferimenti alla forma fisica della mamma o a eventuali (e poco probabili) vizi concessi al neonato. Questi consigli valgono sia per il partner, sia per gli amici. Ma, soprattutto, per le nonne in visita

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te