Stick ovulatori

Gli stick ovulatori, sebbene in commercio se ne trovino di diverse marche, forme e colori, hanno tutti la stessa funzione: rilevare quando avviene l'ovulazione.
La cosa buffa è che nonostante abbiano una sola funzione vengono usati da donne che, invece, hanno fini diametralmente opposti: la contraccezione e il concepimento.
Perché conoscendo quali sono i tuoi giorni fertili puoi usare gli stick ovulatori sia per concentrare i rapporti - se stai cercando un bambino - sia per evitare di rimanere incinta e quindi praticare l'astinenza o usare un contraccettivo a barriera.
Inizialmente tendono a spaventare perché sembrano essere un po' complicati da usare. È necessaria un po' di pratica, se non altro per capirne bene il funzionamento.

Vediamo come si usano...

Test ovulazione: come si usa

Gli stick ovulatori servono a capire se l'ovulazione è vicina. Ma sono affidabili? E come si usano?

Cerchi un bambino? Scopri tutti i nostri consigli sulla fertilità!

Come funzionano gli stick ovulatori

Gli stick ovulatori, nelle istruzioni per l'uso, sono molto simili a un test di gravidanza: si scarta lo stick, si fa la pipì sulla zona indicata e si attende il responso.
E le linee che compaiono cosa indicano? L'intensità delle linee, l'apparire di una e lo scolorirsi dell'altra, indicano quanto tempo ti separa dall'ovulazione.
L'ovulazione, come tutto il ciclo mestruale, viene comandata dagli ormoni. Infatti subito dopo che l'ormone LH raggiunge il suo picco, l'ovocita viene rilasciato e quindi ha luogo l'ovulazione.
I principali stick ovulatori, rilevano la presenza nelle urine, dell'ormone LH e la sua concentrazione.

Di solito sugli stick sono presenti due linee: una rileva l'estradiolo, l'altra l'LH e hanno un funzionamento inverso. Più è alta la concentrazione di LH nel sangue, più sarà intensa la linea, più è alta la concentrazione di estradiolo e più la linea tenderà a diventare trasparente.
Questo significa che il picco ovulatorio è proprio dietro l'angolo e pertanto è il momento più fertile del ciclo.
Se però gli stick vengono usati per cercare una gravidanza bisogna tener conto del fatto che tutto questo non è una garanzia che l'ovulazione avvenga in modo regolare.
La presenza di estradiolo e LH è una condizione necessaria ma non sufficiente, e dunque può succedere anche  che si verifichi un ciclo anovulatorio. Pertanto l'unico e inconfutabile modo per essere sicure al 100% che ci sia ovulazione è fare monitoraggi ecografici, tutto il resto lascia sempre un margine di dubbio.

Per chi sono adatti gli stick ovulatori

Questi stick ovulatori possono essere usati sia da chi è alla ricerca di una gravidanza che da chi, invece, vuole un contraccettivo naturale.
Ma mentre nel primo caso le conseguenze possono essere solo quelle attese, nel secondo ci sono delle cose da tenere in considerazione.
Si possono usare come contraccettivi se non si hanno partner occasionali (non proteggono dalle malattie veneree) e se, soprattutto, si ha una conoscenza molto profonda del proprio corpo e del ciclo mestruale. Fase follicorlare, ovulazione, fase luteale… ti dicono qualcosa?
Infatti gli stick ovulatori sono solo la conferma di quei segnali che il tuo corpo ti lancia prima dell'arrivo dell'ovulazione e che tu avresti già dovuto cogliere.

Stick ovulatori: raccomandazioni per l'uso

Perché gli stick ovulatori vengano utilizzati in maniera corretta è necessario tenere conto di alcune informazioni.
Gli stick hanno un'attendibilità elevatissima pari al 99% circa, ma per un uso corretto è raccomandabile usarli con le prime urine del mattino (che hanno una concentrazione più elevata). Per non diluire molto le urine, infatti, si consiglia di non bere molto durante la notte.
È utile cominciare a monitorare l'ovulazione circa cinque giorni prima della data in cui si prevede arriverà. Se hai un ciclo regolare, l'ovulazione sarà presumibilmente il 14° giorno, quindi potrai cominciare a usarli intorno al nono/decimo giorno del ciclo.
Gli stick residui della confezione possono essere impiegati per monitorare eventualmente l'ovulazione successiva.

Stick ovulatori: quasi come un test di gravidanza

Siccome gli stick ovulatori reagiscono all'aumentare di LH e estradiolo si è visto che gli stick reagiscono positivamente anche in caso di gravidanza. Perché? Semplice: l'estradiolo aumenta anche in gravidanza, mentre l'LH ha una struttura molecolare così simile all'HCG che lo stick scambia l'HCG per l'LH dando un risultato positivo.
Per questo gli stick ovulatori possono essere utilizzati come test di gravidanza precoci perché rilevano intensità che questi ultimi non "leggono".

Riproduzione riservata