Bambini più sani e felici con la meditazione

Credits: Olycom
1 4

Da tempo si pratica sui banchi in Francia, Belgio e Usa, ma oggi se ne inizia a parlare anche in Italia. La meditazione è già arrivata nella scuola dell’infanzia Fratelli Camossi di Moncalvo (Asti): qui i bambini che non fanno il riposino dopo pranzo, possono provare la lezione di “rilassamento”. Ma anche all’Itis Giorgi-Fermi di Treviso o, ancora, all’istituto De Amicis di Tremestieri Etneo (Catania), dove si pratica grazie all’aiuto della fondazione del regista americano David Lynch, che da anni promuove la meditazione nelle scuole di tutto il mondo.

Le classi sono ancora poche e si scontrano con l’iniziale scetticismo di genitori e maestre. Ma chi l’ha provata assicura: è efficace per lo studio e la socializzazione. Marina Panatero e Tea Pecunia, operatrici olistiche che insegnano la meditazione in alcune scuole italiane e hanno scritto il libro Giochiamo a rilassarci (Feltrinelli), ti spiegano quali sono i benefici in classe. E ti insegnano gli esercizi da fare a casa.

/5

Questa pratica fa tanto bene ai piccoli che in alcune scuole la stanno già sperimentando. Se vuoi provarci con tuo figlio, qui trovi i consigli delle esperte

COME PRATICARLA A CASA
Ecco alcuni esercizi che tuo figlio può fare anche da solo, con il tuo aiuto. «Invita il bambino a sedersi comodo, chiudere gli occhi e sentire il suo respiro che entra e esce» spiega Tea Pecunia. «Ripeti con lui l’esercizio per un paio di minuti al giorno, per circa un mese». Dopodiché puoi iniziare a fare semplici meditazioni guidate. «La durata consigliata è differente a seconda dell’età: circa 5 minuti dai 5 agli 8 anni, massimo 10 per quelli dai 9 ai 12. La meditazione guidata va ripetuta tutti i giorni, la mattina o la sera prima di dormire» spiega l’esperta. «Una volta terminata, invita tuo figlio a disegnare o raccontare quello che ha visualizzato».

Qui sotto ti proponiamo due esempi; altre meditazioni guidate complete per bambini si trovano nel libro delle due esperte.

CHE TEMPO FA (durata: circa 3 minuti)
Per imparare a riconoscere i propri stati d’animo e a osservarli con un po’ di distacco. Invita il bambino a concentrarsi sul respiro, quindi a spostare l’attenzione su come si sente. Domandagli: «Che tempo fa dentro di te? È una bella giornata o ci sono nuvole? ». Quindi portalo a respirare con calma e ad accettare il “suo tempo”, cioè il suo stato d’animo, anche se quel giorno non c’è il sole. «Tu non sei il tempo che fa. Va tutto bene, qualunque tempo faccia. Perché tu sei solo lì a guardare che tempo fa».

INNAFFIO IL MIO FIORE (durata: 5 minuti circa)
Per sviluppare la creatività usando tutti i sensi. Devi guidare il bambino in un luogo sereno che vedrà con gli occhi dell’immaginazione e in silenzio. A esercizio finito, ne parlerete o lo inviterai a disegnarlo. Durante la meditazione, aiutalo a immaginare il luogo: «Guardati intorno: cosa vedi? Magari un giardino? Ascolta i rumori di questo luogo, annusa i profumi, tocca la terra. Qui sei tranquillo, al sicuro. È il tuo luogo segreto dove puoi tornare quando vuoi». Quindi invita il bambino a piantare un seme, e innaffiarlo. In una meditazione successiva si osserva cos’è spuntato: un fiore delicato o un alberello robusto.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te