The Marvelous Mrs Maisel 2

The Marvelous Mrs Maisel 2: una serie tv sempre più meravigliosa

La fantastica signora Maisel torna con una seconda stagione più divertente e spettacolare. Lanciata da Amazon Prime lo scorso anno, The Marvelous Mrs. Maisel ha fatto subito breccia nei cuori di critici e spettatori, conquistando ben 5 Emmy Awards e 2 Golden Globe e numerosi altri riconoscimenti.

Nata dall’ingegno e dalla penna di Amy Sherman Palladino e di Daniel Palladino, La fantastica signora Maisel ha per protagonista una ricca casalinga degli anni 50 che si chiama Miriam “Midge” Maisel (Rachel Brosnahan). Affascinante e ironica, Midge è giovanissima, è sposata, ha due figli, vive in un lussuoso appartamento dell’Upper West Side, a qualche piano di distanza da quello dei genitori, e ha un innato talento comico che le torna utile quando suo marito, Joel la lascia per iniziare una relazione con la segreteria.

È questo l’evento scatenante della prima stagione della vita di Midge, quello che la motiva a salire sul palco del Gaslight Comedy Club e a mettere in piazza la sua vita, conquistando il pubblico maschile, che non le fa mancare un paio di battute sessiste, ma soprattutto quello femminile. Composta da 8 episodi, la prima stagione è stata trasmessa in streaming da Amazon Prime Video e si concentra sul tentativo di Midge di diventare un’affermata stand-up comedian, mentre la seconda stagione sarà disponibile dal 5 dicembre, sempre su Prime Video, e conta su 10 nuovi divertentissimi episodi.

In attesa di ritrovare Midge e tutti gli altri protagonisti, proviamo a darvi anche 5 buoni motivi per guardarla, cercando di spiegare in poche righe a cosa si deve il successo di questa serie tv.

Dove eravamo rimasti

Miriam “Midge” Maisel (Rachel Brosnahan) non è solo una donna dalla lingua tagliente e forbita e dalla battuta sempre pronta. La forza di Midge Maisel è quella di avere una visione molto moderna della vita e di ricoprire il ruolo di un’icona del femminismo. Siamo negli anni 50, Midge ha una vita perfetta che si traduce in un’esistenza sicura e appagante come moglie di Joel e tutto fila per il verso giusto, almeno fino a a quando non scopre che suo marito, business man di giorno e stand up comedian di sera, ha le tristi abitudini di presentarsi sul palco con lo stesso repertorio di battute di Bob Newhart e di tradirla con la segretaria.

La cornice perfetta della sua vita va in frantumi, Midge capisce di desiderare molto di più e sceglie, nononstante provenga da una ricca famiglia, di dover trovare un modo per farcela da sola, sfidando le convenzioni della società jewish nella quale è cresciuta e le aspettative della famiglia, che preferirebbe vederla salvare il suo matrimonio. È questa la ragione che la spinge a salire sul palco per affrontare il dramma della separazione con ironia, a cercare un lavoro come esperta di cosmetici in un grande store, a farsi dei nuovi amici e recuperare gli anni fino ad allora persi.

La rinascita di Midge passa attraverso la riconquista di una indipendenza fino ad allora ignorata che la porta a stringere una grottesca amicizia con Susie Myerson (Alex Borstein), una donna dal carattere morto forte e personaggio che, per modo di agire, vestire e comunicare, è tutto l’opposto dell’ex casalinga. L’associazione tra queste due esistenze contribuisce a suscitare i momenti più ironici della storia e sarà maggiormente rinforzata durante tutta la seconda stagione, che porterà Midge a perseguire il suo sogno di diventare una comica, muovendosi con fatica all’interno di universo difficile, rude e prevalentemente maschile. Resta il messaggio di fondo: quello a non dover arrendersi né rinunciare a ciò che si è e a ciò che si vuole davvero.

Amy Sherman-Palladino

Una firma che è ormai una garanzia. Chi ama le serie televisive molto femminili, sa bene che volto ha Amy Sherman Palladino. Sceneggiatrice di Pappa e Ciccia, di Bunheads (serie tv ambientata nell’universo della danza, ma interrotta dopo la prima stagione) ma soprattutto di Una Mamma per amica -suoi anche gli ultimi 4 episodi fortemente voluti da Netfllix- la sceneggiatrice torna con una storia vincente, dove emerge fin dai primissimi minuti del pilot la sua firma stilistica: personaggi sopra le righe, dialoghi divertenti, una scrittura raffinata, un linguaggio tagliente e un umorismo tipicamente jewish. Inoltre, proprio come i precedenti lavori di Amy Sherman Palladino, lo show si caratterizza per i numerosi riferimenti alla cultura pop oltre che per i dialoghi brillanti e veloci.

Yiddish Humor

Ebbene sì, a fare la differenza in questa nuova serie televisiva è sicuramente il tipo di umorismo, vero punto di forza di tutto lo show. Anche qui, chi non conosce bene l’universo yiddish e il tipico umorismo che lo caratterizza, farà fatica a comprendere il senso di alcune battute. Ma chi è abituato al cinema del primo Woody Allen o semplicemente a prodotti televisivi come Seinfeld, si orienterà con facilità all’interno di questo universo grottesco, dove si ride senza fatica e con un certo gusto delle tragedie quotidiane dei nostri protagonisti. In fondo la giovane Midge fa una cosa semplicissima: sale sul palco e racconta la sua vita, con tutta la fatica, la difficoltà, l’amara consapevolezza di cosa vuol dire essere una donna negli anni 50. E lo fa estremizzando con intelligenza e sarcasmo tutti i più imbarazzanti scenari della sua quotidianità. E così, mentre procede dritta verso l’obiettivo, diventare un’affermata stand up comedian, è la sua stessa vita ad assumere i contorni di una commedia in grado di strappare continue risate. Attraverso una narrazione fresca e unica, dove il dramma si mixa alla commedia, si sfrutta la forza dell’umorismo per parlare di tematiche sociali, come l’infedeltà di un marito o la necessità di sentirsi indipendenti.

Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Amazon Prime Video

Costumi e design

Decisamente impeccabili. Sceneggiatori e scenografi non potevano di certo ignorare uno degli aspetti più affascinanti della costruzione di una period comedy: costumi e arredamenti Gli abiti indossati da Midge e dai suoi familiari sono sinonimo di eleganza, raffinatezza, stile e contrastano totalmente con quelli indossati da Susy che sottolineano, al contrario, il carattere più rude della manager. In entrambi in casi, servono a definire i personaggi e la loro personale visione del mondo. Impossibile, infine, non innamorarsi dei luoghi idilliaci nei quali si muovono i personaggi, a cominciare dalla splendida casa di Midge o da quella dei suoi genitori. Sarete letteralmente rapiti dai colori, dagli abiti, dalle abitazioni, dal set up e da tutti gli elementi glamour tipici di quel periodo. Soprattutto nella seconda stagione che si apre a Parigi, città che ha da sempre fatto di costumi, design e romanticismo il suo marchio di fabbrica.

Una serie di grandissimo successo

Durante gli Emmy Awards, The Marvelous Mrs Maisel ha conquistato alcuni dei più importanti premi destinati a una serie tv comica. La serie ha difatti ottenuto il riconoscimento per la miglior comedy, miglior attrice protagonista, destinato a Rachel Brosnahan, miglior attrice non protagonista, assegnato ad Alex Borestein, miglior sceneggiatura e miglior regia di un pilot. Un grandissimo successo per questo period drama modernissimo. Sebbene ambientato negli anni 50, La fantastica signora Maisel allarga gli orizzonti, affrontando con rara intelligenza tematiche e questioni di grande attualità. Lo fa attraverso un personaggio femminile che ci fa innamorare, una donna brillante, intelligente e raffinata che si burla dell’universo impettito che la circonda, attraverso dialoghi e battute ricercate e memorabili.

Cosa dobbiamo aspettarci dalla seconda stagione

Il primo episodio della seconda stagione ci portaprestissimo a Parigi. Midge e suo padre Abw si recano in viaggio nella città più romantica d’Europa per provare a convincere Rose, la madre di Midge, a fare ritorno a casa. La donna ha difatti deciso di lasciare il marito e la figlia e fare ritorno a Parigi per ritrovare la sua identità e rifarsi una vita. A Midge non resta che sostenere il padre in questa folle impresa di riconquista attraverso un viaggio che le impone di fare riflessioni su stessa, sul suo rapporto con Joel e sulla sua vita. E mentre Midge cerca chiarezza, Susie cerca di trovare una soluzione ai suoi problemi personali e di agevolare la carriera della sua comica preferita. Il primo episodio della serie è letteralmente esplosivo: il ritmo è veloce, i dialoghi sempre più curati e raffinati, i personaggi travolgenti e gli scenari decisamente spassosi. Si ride di gusto soprattutto nel momento in cui Midge si improvvisa comica anche a Parigi e condivide i suoi disagi con i clienti di un cabaret, salendo ancora una volta sul palco per raccontare ciò che sta vivendo. Una scena ben scritta e diretta con maestria che si apre sulle note della risata e si chiude con la malinconia di chi si rende conto di dover fare i conti con una situazione che suscita in realtà una certa amarezza.

Riproduzione riservata