A very british scandal: la nuova serie con Claire Foy (la regina di The Crown)

L’attrice due volte vincitrice dell'Emmy Award interpreta Margaret Campbell, la chiacchierata duchessa di Argyll, la protagonista del primo vero e grande scandalo sessuale della storia inglese

Non avete mai sentito parlare della duchessa di Argyll? Prima di Kate Middleton o Meghan Markle, prima della principessa Margaret o Anna c'era la chiacchierata signora Campbell che, alla fine degli anni Sessanta, era considerata una delle figure più scandalose dell'epoca. La duchessa di Argyll era coinvolta in quello che il tabloid The Sun definì "lo scandalo sessuale che sbigottì l’intero Paese, che sconvolse l’opinione pubblica" dal momento che nessuno poteva, all’epoca dei fatti, immaginare che un duca, appartenente alla casta dei Lord, per imporre il divorzio alla moglie, accusata di licenziosa infedeltà, portasse in tribunale le foto che la ritraevano in giochi d’amore con altri uomini, alla mercé di giornalisti e fotografi. E pensare che "qualcuno" si è scandalizzato negli anni Novanta per i piccanti sex tape di Carlo e Diana!

Amazon Prime
1 di 5
Amazon Prime
2 di 5
Amazon Prime
3 di 5
Amazon Prime
4 di 5
Amazon Prime
5 di 5

A very british scandal è la nuova serie (ora in post-produzione e in uscita all'inizio del 2022 su Amazon Prime) sull'aristocrazia britannica che esplora il clima sociale e politico della Gran Bretagna negli anni del Dopoguerra partendo proprio dall'atteggiamento nei confronti delle donne. Al centro della serie il secondo, scandaloso matrimonio della bellissima Margaret - ad interpretare l'affascinante duchessa sarà Claire Foy, reduce dal successo delle prime due stagioni di The Crown in cui ha dato il volto alla giovane Regina Elisabetta - con il duca di Argyll. E il conseguente divorzio.

Il dramma, in tre parti, rivisiterà il sensazionale processo degli Argyll, richiesto dal Duca dopo aver trovato, nascoste in un armadio chiuso a chiave, decine di Polaroid che ritraevano la moglie nuda, mentre faceva sesso con un uomo la cui testa era tagliata dal fotogramma. A tradire l'identità di lei nelle foto in cui il viso è nascosto, una collana di perle a tre fili, sua inconfondibile cifra di stile. Ma se la stampa e le istituzioni cercarono di diffamarla con ogni mezzo mentre veniva tradita perfino dai suoi stessi amici, Margaret rifiutò di restare in silenzio come avrebbe fatto qualsiasi altra donna.

Getty Images
1 di 12
Getty Images
2 di 12
Getty Images
3 di 12
Getty Images
4 di 12
Getty Images
5 di 12
Getty Images
6 di 12
Getty Images
7 di 12
Getty Images
8 di 12
Getty Images
9 di 12
Getty Images
10 di 12
Getty Images
11 di 12
Getty Images
12 di 12

Fortunatamente la serie offrirà una visione più "illuminata" della storia ritenuta da molti il primo caso di revenge porn e del peggior sessismo: non solo le polaroid private di Margaret sono state ampiamente condivise, ma il marito ha anche pubblicato le sue lettere e i suoi diari. «Sono convinta che è stata punita perché era una donna, una donna in vista, e per essersi rifiutata di farsi da parte, di interpretare la parte della brava ragazza e stare in silenzio. Questo film è il mio tributo a lei e a tutte le donne», ha spiegato la sceneggiatrice Sarah Phelps.

Riproduzione riservata