Aurora Ruffino per Donna Moderna marzo 2022
Aurora Ruffino, 32 anni

Aurora Ruffino: intervista alla protagonista di “Noi”

Per Aurora Ruffino recitare era la vita. Ma oggi, al primo posto della sua classifica personale, ci sono il fidanzato (Maxime) e un progetto (famiglia con bambini). Si poteva chiedere di più all’attrice che vediamo in tv nei panni di Rebecca nella serie tv "Noi"?

Aurora Ruffino voleva essere Samantha, quand’era piccola, e invece l’hanno chiamata Aurora. E oggi che ce la ritroviamo davanti, seduta allo specchio del trucco, si capisce subito che per questa ragazza sorridente e piena di luce il nome è azzeccatissimo.

Chissà poi perché ad Aurora Ruffino, 32 anni, torinese, innamorata del fidanzato francese Maxime, donna felice di essere quello che è, sono sempre stati affibbiati ruoli drammatici. È stata Cris di Braccialetti rossi e Viola della Solitudine dei numeri primi ma, soprattutto, l’avete appena vista nella prima puntata di Noi, il remake italiano della serie americana This is us, dove, al fianco di Lino Guanciale (Pietro, cioè Jack nell’originale), è Rebecca.

Aurora Ruffino: chi è l’attrice italiana di “Noi”

VEDI ANCHE

Aurora Ruffino: chi è l’attrice italiana di “Noi”

Aurora Ruffino e la serie tv "Noi"

Aurora Ruffino parla della serie tv Noi in questo video:

Noi serie tv Aurora Ruffino Lino Guanciale
Noi, la serie tv con Aurora Ruffino (Rebecca) e Lino Guanciale (Pietro), va in onda su Rai1 la domenica in prima serata.

Aurora Ruffino: il servizio di moda

Aurora Ruffino, oltre a essere la protagonista della copertina di Donna Moderna in edicola il 10 marzo 2022, è anche la protagonista del nostro servizio di moda. Guarda le foto:

Davide Nova
1 di 9 - Aurora Ruffino indossa un bomber Ahirain. Maglia di cotone Piombo per OVS. Jeans Yes Zee. Stivali Bruno Bordese. Cintura Church’s.
Davide Nova
2 di 9 - Shorts a vita alta di tela militare Poché. Reggiseno di maglia Andrea Pompilio. Felpa Livincool. Calzini Ant45. Mocassini Church’s.
Davide Nova
3 di 9 - Abito di chiffon con coulisse in vita Romeo Gigli. Chiodo di pelle Gms75.
Davide Nova
4 di 9 - Tubino di jersey elasticizzato con dettagli dorati sulla schiena, giacca over di tessuto tipo scuba e tasche di pelle, tutto Fendi.
Davide Nova
5 di 9 - Blazer doppiopetto e pantaloni di micropaillettes, tutto Philosophy di Lorenzo Serafini. T-shirt bianca Intimissimi.
Davide Nova
6 di 9 - Camicia di cotone rigato Mango. Giacca over di broccato con collo di velluto Andrea Pompilio. Jeans Uniqlo. Sandali Jeffrey Campbell.
Davide Nova
7 di 9 - Maglione di cotone tricot a trecce e minigonna in panno di lana, tutto Sportmax. Gioielli Pandora.
Davide Nova
8 di 9 - Sahariana di denim Kiabi. Pantaloni di taglio maschile Piombo per OVS. Cintura Pennyblack. Collana Pandora.
Davide Nova
9 di 9 - Aurora Ruffino protagonista della copertina del numero di Donna Moderna in edicola il 10 marzo 2022.

Il video del backstage

In questo video Aurora Ruffino si racconta:

Aurora Ruffino: l'intervista

Perché le sono capitate tante parti così dure?
«Forse perché sono molto sincera, anche con me stessa. Non nascondo mai quello che provo né come sto, ho una predisposizione a mostrare le mie emozioni, compreso il dolore. Le esperienze di vita mi hanno portata ad affrontarlo presto. Deve essere per questo che non ho pudore nel mostrare la sofferenza neppure sul set».

Nella versione originale, Rebecca è Mandy Moore. Come è stato misurarsi con lei?
«This is us era già la mia serie preferita, con quei personaggi così veri, così imperfetti, così umani... Non avrei mai pensato di passare il provino, quando ho avuto la parte sono andata nel panico: “E adesso cosa faccio?”. Ma piano piano ho imparato a distaccarmi. Ho pensato che sono 400 anni che si porta in scena Romeo e Giulietta: perché non può esserci una nuova interpretazione di This is us, una storia attuale e universale che mette la famiglia al centro della storia? E allora ho deciso che avrei dato la mia versione di Rebecca».

La serie Noi: il remake di This is us

VEDI ANCHE

La serie Noi: il remake di This is us

Com’è Rebecca, la protagonista della serie tv Noi?
«Ah, Rebecca è un personaggio bellissimo, sfaccettato, complesso. Le sono grata perché mi ha costretta a interpretare quattro donne diverse in altrettante fasi della vita: 20, 30, 40 e 60 anni. A 20 anni Rebecca è una ribelle, rifiuta il modello della moglie-madre degli anni ’80 e non ha niente in comune con la nonna che sarà. Quando è madre è una madre totale, che vive per i figli, affronta il dolore della perdita di un bebè, il senso di colpa, la paura. A 40 è una donna in cerca di una sua identità. Insomma, ho dovuto studiare quattro ruoli».

Come è stato vedersi con le rughe?
«Sa che mi sono piaciuta? Mi hanno rafforzata».

E il pancione?
«Cioè arrivare a sera con un mal di schiena tremendo e capire perché all’ultimo mese di gravidanza una donna non vede l’ora di partorire? (ride). L’esperienza è stata importante. A 18 anni avevo solo un progetto: fare la mamma. Poi mi sono innamorata della recitazione, ma l’idea di avere bambini era sempre lì. Quando ho iniziato a girare la serie, ho avuto un rifiuto della maternità: il dolore che ho provato interpretando Rebecca è stato così forte che ho pensato: “Ma no, chi me lo fa fare?”. E poi, alla fine delle riprese, forse anche perché ne ho parlato tanto con Luca Ribuoli (il regista, ndr), ho provato l’emozione opposta: l’amore ha prevalso sulla paura del dolore. Lo considero il dono di Rebecca per me».

La sua famiglia numerosa è stata di ispirazione per Noi?
«La forza di Rebecca, disposta a tutto pur di proteggere i propri figli, l’ho trovata in mia zia: una roccia, inarrestabile, per noi avrebbe fatto qualsiasi cosa».

Che madre si immagina di essere?
«Uh, che domanda difficile. Direi una madre che non si snatura per i figli. Vorrei saper conservare il lato personale di Aurora, tenere l’equilibrio fra il mio ruolo di mamma e i miei desideri, le aspirazioni per me stessa».

Lino Guanciale: la carriera, l’amore e la famiglia

VEDI ANCHE

Lino Guanciale: la carriera, l’amore e la famiglia

Maxime, il suo fidanzato, è francese. Relazione a distanza?
«Fino al 2019 ci siamo divisi fra Italia e Francia. Poi Maxime ha ricevuto un incarico a Torino: era il 2020! Abbiamo passato tutto il lockdown insieme e la scoperta è che noi due, 24 ore su 24, stiamo benissimo, anzi meglio. Ora abbiamo casa a Lione».

Si è chiesta perché si è innamorata di un francese?
«Perché è l’uomo migliore che abbia mai incontrato. Perché condividiamo lo stesso amore per la libertà e per il rispetto reciproco, abbiamo la stessa visione della vita. Perché è un uomo stimolante. E poi… lo dico? Perché in lui ho ritrovato tante somiglianze con mio nonno, l’uomo della mia vita. Maxime è come lui, un grande lavoratore, serio, indipendente, con dei valori».

Il lavoro: viene prima di tutto, insieme al resto, dopo?
«Sta al secondo posto. Ed è una scoperta importante: dai 19 anni, per me il lavoro era la vita. Significava mettere me al primo posto. Poi ho scoperto che io non sono il lavoro: ora c’è Maxime, ci siamo noi due. Oggi sono felice con quello che ho: il lavoro, l’amore, il progetto di fare una famiglia ed essere madre».

Magari di tre gemelli come in Noi?
«No, tre mai! Uno, partiamo da uno».

Servizio di Paolo Lapicca
foto di Davide Nova
intervista di Alessandra Cipelli

Ha collaborato Cristina Nava
Make up Valeria Iovino using Cotril. Hairstyle Stefania Pellizzaro using Cotril

Riproduzione riservata