Chloé Zhao: la regista di Nomadland vince il Golden Globe

Il film è Nomadland e ha già vinto il Leone d'Oro alla Mostra del Cinema di Venezia e lei è la seconda donna a vincere il Golden Globe come miglior regista e la prima di origini asiatiche

Chloé Zhao è la seconda donna nella storia dei Golden Globe a vincere il premio per la miglior regia. Non solo. è anche la prima donna asiatica a salire sul gradino più alto del podio. Prima di lei solo Barbra Streisand aveva portato a casa il globo d’oro per la regia del film Yentl, nel 1984. Alla nomination sono arrivate anche Jane Campion per Lezioni di piano a metà degli anni Novanta, Sofia Coppola per Lost in Translation, Kathryn Bigelow per The Hurt Locker nel 2010 e per Zero Dark Thirty nel 2013 e infine Ava DuVernay per Selma: nessuna però era riuscita ad arrivare all'ambito premio.

Fino ad oggi, quando Chloé Zhao - in realtà non si chiama Chloé bensì Zhao Ting - regista nata e cresciuta a Pechino che ha studiato in America si è aggiudicata la statuetta dorata. Le sono bastati cinque anni e tre film indipendenti per vincere, prima il Leone d’oro a Venezia e poi il Golden Globe: si è infatti dimostrata la cineasta perfetta per questo momento storico in cui anche l’Academy impone standard e regole d’inclusività.

La pellicola Nomadland (che uscirà il 30 aprile 2021 su Star, all’interno della piattaforma Disney+) racconta la storia di Fern (Frances McDormand) e di suo marito Bo. Entrambi hanno lavorato sodo tutta la vita. Fino al giorno in cui la fabbrica chiude i battenti lasciando i dipendenti per strada. Letteralmente. Quando Bo muore dopo una lunga malattia, il mondo di Fern si divide fra un garage in cui sono rinchiuse tutte le cose del marito e un van colmo di tutto ciò che per lei ha ancora un significato. Vive di lavoretti sporadici, non ha diritto ai sussidi statali e non ha l'età per riciclarsi in un Paese in piena crisi. Così si sposta di parcheggio in parcheggio, sperando che la propria vita non cada a pezzi.

Guarda il trailer di Nomadland:

Chloé Zhao ha vinto con il suo Nomadland perché non racconta solo una donna, bensì una donna in luoghi e situazioni che da sempre si indentificano con gli uomini. È la forza della novità che ha vinto attraverso uno stile di vita alternativo e che, stranamente, piace molto in un momento in cui la maggior parte di noi è costretto a casa: chi avrebbe mai immaginato che una donna potesse essere tanto appassionata a una vita nomade e da vagabonda! Insomma una vera e propria rivoluzione quella di Fern che si riappropria dei suoi spazi. Così come quella di Chloé che si prende una fetta di cinema.

Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Riproduzione riservata