Kasia Smutniak, matrimonio a sorpresa con Procacci

16 09 2019 di Alessia Sironi
Credits: Getty Images

L'attrice e il produttore si sono sposati con una cerimonia civile praticamente segreta. Anche gli invitati non ne sapevano nulla e pensavano di festeggiare il 40esimo compleanno di Kasia

Proprio mentre il Grande Fratello compie vent’anni l’ex compagna di Pietro Taricone, storico partecipante della prima edizione della casa più spiata, va a nozze. Nove anni di relazione e un figlio per l’attrice di origini polacche Kasia Smutniak e il produttore Domenico Procacci. La cerimonia, molto semplice ma anche chic, si è svolta a Formello, alle porte di Roma, dove la coppia vive insieme a Leone, 5 anni, e a Sophie, 15 anni che l’attrice di "Perfetti sconosciuti" ha avuto proprio dalla relazione con l’ex gieffino tragicamente scomparso nel 2010 in un incidente di paracadutismo.

La Smutniak e Procacci vivono proprio nella villa di Formello acquistata da Pietro Taricone per viverci con l’allora fidanzata. E qui, l’attrice e il produttore hanno deciso di giurarsi amore eterno. A celebrare il matrimonio lo scrittore Sandro Veronesi, amico di lunga data della coppia mentre il testimone della sposa è stato niente meno che il regista Ferzan Ozpetek.

<p>Kasia insieme a Sophie, la figlia avuta da Pietro Taricone, e al neo marito Domenico Procacci. </p> Credits: Getty Images

Kasia insieme a Sophie, la figlia avuta da Pietro Taricone, e al neo marito Domenico Procacci. 

Kasia Smutniak ha tenuto segreto il suo "progetto" fino al memoneto del sì: persino gli invitati non sapevano di andare a un matrimonio. Gli illustri ospiti pensavano di festeggiare i 40 anni dell'attrice che, vestita di bianco, a piedi nudi e con una coroncina di fiori in testa, ha invece comunicato loro che si trattava in realtà del matrimonio con Domenico, suo fidanzato dal 2011.
Tutti sono stati sollecitati a non fare regali alla coppia, ma donazioni alla scuola aperta in Nepal proprio da Kasia con la Pietro Taricone Onlus, l'associazione che si occupa della scolarizzazione dei bambini del Mustang.

Riproduzione riservata