I 7 first moment di Meghan Markle

19 04 2018 di Cristina Sarto
Credits: Getty Images

Arriva anche in Italia la biografia non autorizzata di Meghan Markle: l'ha scritta Andrew Morton, autore di uno dei libri più famosi su Diana. La nostra inviata l'ha letto in anteprima e ha stilato una lista delle cose più interessanti

Quando (il 19 maggio) il principe Harry le metterà la fede al dito, Megan Markle diventerà la prima persona di sangue misto (papà bianco e mamma afroamericana) a entrare nella famiglia reale britannica. Oh my god!, avrebbero sussultato in passato gli amanti della monarchia. Invece tutti adorano questa 36enne americana, attrice e attivista per i diritti delle donne, ancora di più oggi che Andrew Morton (già famosissimo per una biografia sulla principessa Diana) ha raccontato la sua vita nel libro Meghan: a Hollywood princess, che uscirà in italiano per Piemme il prossimo 8 maggio. Una storia fatta di tante “prime volte”, che hanno segnato in modo indelebile questa moderna principessa.

… ha fatto sentire la sua voce

A 11 anni, Meghan osserva la pubblicità di un’azienda di detersivi. «In America le donne lottano contro pentole e padelle sporche», recita il commercial. Indignata per il riferimento sessista, la ragazzina prende carta e penna e scrive una lettera di fuoco alla società. Un mese più tardi, lo spot torna in onda con parole diverse: «In America le persone (non le donne, ndr) lottano contro pentole e padelle sporche». Così nasce una femminista.

ha vissuto il razzismo sulla sua pelle

È un’adolescente Meghan quando una sera, mentre rientra da un concerto, un automobilista apostrofa la madre che sta uscendo da un parcheggio: «Muoviti, n…!». La ragazza arrossisce, mentre osserva le lacrime scorrere sulle guance della mamma. «Va tutto bene», la rassicura. Ma quell’episodio brucia ancora oggi. «I commenti sulla mia razza? Li trovo deprimenti», ha detto subito dopo l’annuncio del fidanzamento reale.

… ha scoperto che il principe azzurro esiste

È il luglio del 2016 quando Meghan, già famosa per il suo ruolo in Suits, vola a Londra per promuovere la serie tv. Al torneo di Wimbledon, dove segue il match dell’amica Serena Williams, una pr di moda la prende in disparte: «Domani sera ti presento Harry». Ma la ragazza non si fa troppe aspettative: «Male che vada mi diverto» dice Meghan a un’amica. Invece l’appuntamento al buio è un successo, che si ripete la sera successiva.

… ha fatto un viaggio con lui

Un mese dopo, dopo una missione in Botswana in difesa degli elefanti, lo scapolo d’oro della corona britannica arriva all’aeroporto di Johannesburg, in Sudafrica. Al banco del check in lo aspetta la commoner che diventerà principessa. Insieme, prendono un volo per il Botswana, dove passeranno una settimana a osservare gli animali selvaggi. Di quella prima fuga d’amore, pochi mesi dopo lui confesserà: «È stato incredibile imparare a conoscerla così velocemente».

Credits: Getty Images

… ha suonato alla sua porta

Nell’autunno del 2016 Meghan vola a Londra, ospite di Harry. Ma ad aspettarla non c’è un castello. Nottingham Cottage, la dimora del principe, è più piccola dell’appartamento in cui l’attrice vive a Toronto, quando è sul set. Quanto piccola? Due camere, due bagni e due salotti dove ricevere gli ospiti. Ma con un tocco originale che porta la firma del principe anticonformista: nel giardino, un’amaca per oziare nei pomeriggi d’estate.

…ha capito che era tutto vero

Passa qualche settimana e i piccioncini sono a Toronto. Ci sono i drink con gli amici, le cenette da consumare a casa come una coppia qualunque, Halloween da festeggiare, tanto in città nessuno li riconosce. Ancora per poco, però. Una sera, mentre lei cucina pollo arrosto, il telefono di lui squilla. È l’addetto stampa reale: «Domani la vostra storia sarà sui giornali». Harry riattacca e versa due calici di vino rosso. Brindisi. Game on.

… ha incontrato la Regina

Che vuoi che sia un’audizione a Hollywood rispetto a un tè con Sua Maestà? Il paragone non regge. E infatti, in un pomeriggio nuvoloso dello scorso ottobre, quando Meghan varca i cancelli di Buckingham Palace a bordo di un’auto dai vetri oscurati le sudano le mani. E sì che la ragazza è preparata: ha provato e riprovato l’inchino, sa come si afferra con classe la tazza da tè. Un’ora di colloquio in cui la bella americana si gioca il futuro. I cani della regina Elisabetta, tanto simpatici da abbaiare pure al principe William, scodinzolano intorno ai tacchi della futura principessa. La sovrana ha detto sì.

Riproduzione riservata