I nuotatori più sexy di sempre

23 07 2019 di Alessia Sironi
Credits: Getty Images

Ai campionati del mondo di nuoto di Gwangju, in Corea del Sud, Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti si qualificano per la finale degli 800 stile libero: fino al 28 luglio vanno in onda tanti addominali e parecchi bicipiti scolpiti

A Gwangju, in Corea del Sud, fino a domenica 28 luglio, sono protagonisti i migliori nuotatori al mondo che, tra una batteria e una bracciata cercano di sbaragliare la concorrenza non solo per vincere la medaglia iridata e salire su almeno uno dei tre gradini del podio, ma anche guadagnandosi gli obiettivi dei fotografi che avranno il loro bel da fare anche fuori dalla vasca, dove sfileranno letteralmente atleti che ben poco da invidiare ai modelli in passerella. Anzi, molto più tonici e muscolosi, battono i loro coetanei 10-0 tanto che le case di moda li scelgono sempre più spesso per le loro campagne pubblicitarie.

Noi naturalmente facciamo il tifo per la squadra azzurra, e li inseriamo tutti (anche quelli che non si sfidano più in corsia) in un’ipotetica classifica dei più belli e sexy nuotatori dei Mondiali: ci sono Filippo Magnini, in vacanza con la sua bella Giorgia Palmas, il campione in carica Gregorio Paltrinieri, l’amico e rivale Gabriele Detti, appena qualificati per la finale degli 800 stile libero e il velocissimo Luca Dotto, e infine il rientrante Fabio Scozzoli.

Non ti resta che sfogliare la gallery e rifarti gli occhi!

Credits: Getty Images

Gregorio Paltrinieri, Italia

Classe 1994, originario di Carpi, la sua specialità è lo stile libero nella lunga distanza. Ha vinto la medaglia d'oro alle ultime Olimpiadi di Rio e lo scorso campionato del mondo.

Credits: Getty Images

Filippo Magnini, Italia

Classe 1982, 1,85 metri per 77 chili è il miglior stileliberista italiano di sempre, ha vinto due titoli mondiali e quindici ori europei.


Credits: Getty Images

Luca Dotto, Italia

Classe 1990, è specializzato nelle distanze brevi dello stile libero di 50 e 100 metri. Campione d'Europa in carica in quest'ultima distanza, è stato il primo nuotatore italiano ad abbattere il muro dei 48 secondi nei 100 metri stile libero.


Credits: Getty Images

Gabriele Detti, Italia

Classe 1994, è una delle grandi promesse del nuoto italiano. Alle Olimpiadi di Rio de Janeiro ha vinto la medaglia di bronzo nei 400 e nei 1500 stile libero, piazzandosi dietro Paltrinieri.


Credits: Getty Images

Fabio Scozzoli, Italia

Classe 1988, il nuotatore italiano è specializzato nella rana: nel 2011 ha vinto la medaglia d'argento ai mondiali di Shanghai nei 50 e 100 metri rana, la medaglia d'oro nel 2010 e 2012 agli europei di Budapest e Debrecen.

Credits: Getty Images

Camille Lacourt, Francia

Classe 1985 e specialista nel dorso, ha vinto nove medaglie d'oro (quattro ai mondiali e cinque agli europei), quattro d'argento e una di bronzo.

Credits: Getty Images

Henrique Martins, Brasile

Venticinque anni, originario di Campinas, il nuotatore brasiliano ha vinto la medaglia d'oro ai Mondiali di Doha, in Qatar nel 2014.

Credits: Getty Images

James Magnussen, Australia

Ha 26 anni ed è specializzato nello stile libero. È stato campione del mondo nel 2011 e nel 2013, aggiudicandosi l'oro a Shangai e Barcellona.


Credits: Getty Images

Chad Le Clos, Sudafrica

Ha 25 anni il nuotatore sudafricano ed è specialista nel delfino, specialità in cui ha vinto la medaglia d'oro nei 200 metri alle Olimpiadi di Londra.


Credits: Getty Images

Marcelo Chierighini, Brasile

Classe 1991, è specializzato nello stile libero, tutti lo chiamano Lelo, è alto 1,92 e pesa 95 chili, tutti di muscoli.


Credits: Getty Images

Nathan Adrian, Stati Uniti

Americano, 29 anni, 2,01 metri per 103 chili, è un vero gigante, ma velocissimo nello stile libero: ha già vinto 28 medaglie, tra cui quella d'oro alle Olimpiadi di Rio de Janeiro.

Credits: Getty Images

Mitch Larkin, Australia

Il nuotatore australiano, a soli 24 anni, è l'astro nascente del nuoto oceanico e ai mondiali di Kazan nel 2015 si è laureato campione nei 100 e 200 metri dorso.


Foto
Riproduzione riservata