Chi paga gli errori nella dichiarazione dei redditi?

Per uno sbaglio nella dichiarazione dei redditi si rischiano multe salatissime. Ma l'errore può essere del Caf o del commercialista, che devono risarcire. Ecco cosa fare

Forse ti è già capitato di ricevere un avviso di pagamento dall’Agenzia delle entrate per uno sbaglio nella dichiarazione dei redditi commesso dal commercialista o dal Caf a cui ti sei affidata. Chi paga la sanzione? «Se ci sono errori di calcolo o se sono stati inseriti dati non corretti, la responsabilità è del consulente» spiega Mariangela Conti, responsabile del Caf Cisl Lombardia. «Se succede il contribuente ha diritto al rimborso delle sanzioni e di almeno la metà degli interessi». 

Quando hai diritto al risarcimento 

«Che si tratti di Caf o commercialista, si procede allo stesso modo. Il consulente è tenuto a risarcire il contribuente, ma bisogna accertare che la responsabilità dell’errore sia sua, per esempio perché ha commesso un errore che incide sul calcolo delle imposte dovute o gli è sfuggito di aggiornare il dato sui familiari a carico o sul canone di affitto. Bisogna quindi tenere una copia di tutti i documenti inviati al professionista per poter dimostrare di aver fornito i dati necessari». 

Come muoversi 

Accertata la responsabilità, bisogna informare il Caf o il consulente. Questi è tenuto a rimborsare al cliente la sanzione dell’Agenzia, più parte o la totalità degli interessi. «Il nostro Caf rimborsa la quota del 50%, ma si valuta caso per caso e si può arrivare al 100%. Al cliente spetta invece saldare l’imposta, che avrebbe dovuto pagare comunque se la dichiarazione fosse stata corretta». 

Se scopri prima l’errore 

Nell’immediato, lo sbaglio si può correggere con una dichiarazione correttiva. «I modelli 730 che si presentano entro il 30 settembre possono essere corretti entro il 25 ottobre. In alternativa si può valutare la strada della dichiarazione integrativa, che può essere inviata anche negli anni successivi alla dichiarazione. È prevista una sanzione, ma se l’integrazione è “a credito”, cioè se per esempio non abbiamo inserito una spesa da detrarre, non si paga nulla». 

Le nuove detrazioni per il 730 del 2021

VEDI ANCHE

Le nuove detrazioni per il 730 del 2021

Se l'errore è nell'Isee

E se il Caf sbaglia la certificazione Isee o una richiesta di sussidi all’Inps? «Poiché si tratta di autocertificazioni, viene chiesto ai contribuenti di fornirci tutti i documenti per la corretta compilazione ed è loro cura verificare quanto inserito. La responsabilità di quanto dichiarano è quindi loro».

Come fare la certificazione Isee in 10 minuti

VEDI ANCHE

Come fare la certificazione Isee in 10 minuti

Riproduzione riservata