Ragazza-foglio-computer

Mutuo: cosa succede ora se paghi la rata in ritardo

Se hai un prestito o un mutuo in corso, d’ora in poi dovrai essere più attenta a scadenza e pagamenti. Ora ci sono regole più rigide. Scoprile qui

Se hai un prestito o un mutuo in corso, d’ora in poi dovrai essere più attenta a scadenza e pagamenti. A partire dal 1° giugno le banche devono adeguarsi alle norme europee in fatto di inadempienze, che sono più rigide. Ecco cosa cambia.

Quando scatta “la spia”

Tre le condizioni necessarie: se il ritardo nel pagamento supera i 90 giorni, se l’importo dell’arretrato è maggiore di 100 euro e se supera l’1% del prestito richiesto.

Cosa fa la banca

Ti classifica come debitore “in default”. Ciò significa che può avviare azioni per recuperare il credito, e potrebbe segnalarti alla Centrale dei rischi di Banca d’Italia. Chi è segnalato difficilmente può ottenere altri finanziamenti.

Cosa puoi fare tu

Per uscire dallo stato di “default” devi saldare l’arretrato ed essere puntuale nei pagamenti per almeno 3 mesi. Il consiglio dell’Abi, in ogni caso, se ti trovi in difficoltà con i rimborsi, è di parlarne con la tua banca prima che scattino i 90 giorni, per valutare insieme possibili strategie di uscita (per esempio ricontrattando il prestito).

Il pc non può decidere il mutuo

VEDI ANCHE

Il pc non può decidere il mutuo

Vuoi comprare casa? C’è un fondo che ti aiuta per il mutuo

VEDI ANCHE

Vuoi comprare casa? C’è un fondo che ti aiuta per il mutuo

Riproduzione riservata