Marta Marzotto a Taormina

Marta Marzotto addio, la regina dei salotti aveva 85 anni

È morta Marta Marzotto. È stata modella, poi stilista e, per tutta la vita, donna di classe. Noi la ricordiamo così

Marta Marzotto si è spenta in una clinica privata di Milano. Aveva 85 anni. Ed era considerata l'ultima 'regina dei salotti'. Non nacque nella ricchezza, si sposò con l'industriale Umberto Marzotto (da cui ebbe 5 figli), fu amante di Renato Guttuso. Terzo e ultimo grande amore: il saggista e politico Lucio Magri. È stata modella e poi stilista. E fu donna di classe e non le mandava a dire a nessuno.


Infanzia poverissima

Cognome da nubile: Vacondio. "Io, a quindici anni, già facevo sfilate ed ero molto corteggiata" racconterà in una intervista al giornalista Stefano Lorenzetto. "Ero poverissima, la povertà particolare del primo dopoguerra. Una volta qualcuno ci regalò un chilo di pane e io, mia mamma e mia sorella lo mangiammo, lo sbranammo in cinque minuti, fino a sentirci male. Abitavo a Mortara (nel pavese, ndr), per andare a scuola e poi per lavorare viaggiavo in littorina – così si chiamava – in terza classe. Umberto arrivò come l’angelo salvatore: aveva tutto quello che una ragazza può sognare, biondo, occhi azzurri, intelligente, colto, sportivo. Un nobile. E correva in auto. Ero sinceramente innamorata".


1 di 12 - Credits: ANSA

Luglio 1983. Marta Marzotto premia l'oncologo Umberto Veronesi

2 di 12 -

Marta Marzotto al teatro della Scala di Milano per la prima dell'opera Lohengrin di Richard Wagner diretta dal maestro Daniel Barenboim, 7 dicembre 2012.

3 di 12 - Credits: ANSA

Marta Marzotto con il figlio Matteo posa per i fotografi questa sera in occasione della sfilata con cui Giorgio Armani celebra i quarant'anni di passerelle della maison, 30 aprile 2015.

4 di 12 - Credits: ANSA/ OLDPIX


5 di 12 - Credits: ANSA

Marta Marzotto con il marito Umberto, alle sue spalle a destra, dopo la sentenza di separazione coniugale a Venezia il 9 ottobre 1987

6 di 12 - Credits: ANSA

Marta Marzotto al suo arrivo al teatro La Scala a Milano, in una foto del 7 dicembre 1997.

7 di 12 - Credits: ANSA

Gianfranco Ferre' con Marta Marzotto. Siamo nel 1998

8 di 12 - Credits: ANSA

A Venezia, gran mattatrice al compleanno di Tiziana Rocca. E' il 2006

9 di 12 - Credits: Twitter

La nipote Beatrice Borromeo annuncia via Twitter la morte della nonna Marta

10 di 12 - Credits: Instagram

Scatto di famiglia postato sui social. Matteo Marzotto, la mamma Marta e i fratelli Vittorio, Annalisa, Diamante e Paola

11 di 12 - Credits: Instagram

Marta è fra le più eleganti del 1970

12 di 12 - Credits: Instagram

Marta Marzotto durante la nota campagna pubblicitaria per Standa: il lancio della linea "Marta Martissima". Siamo negli anni Novanta

L'ingresso nei salotti che contano

Umberto e Marta Marzotto si sposano nel 1954. Hanno 5 figli: Paola, Annalisa (morta nel 1987 per fibrisi cistica a soli 29 anni), Vittorio Emanuele, Maria Diamante, Matteo. I Marzotto sono una delle grandi e potenti dynasty del Nordest nel settore tessile. Il capostipite Gaetano acquisisce il titolo conte su proposta del Governo Mussolini nel 1939 a riconoscimento delle sue attività assistenziali, grazie alle aziende. Il ramo Marzotto ha un fitto intreccio di parentele sangue-blu. C'è una cuginanza con i Donà Delle Rose, discendenti di tre Dogi veneziani. Paola Marzotto (primogenita di Marta e Umberto) ha avuto due figli con Carlo Ferdinando Borromeo: Beatrice Borromeo, giornalista e moglie di Pierre Casiraghi (nipote di Alberto di Monaco). Il terzogenito Vittorio Emanuele Marzotto si è sposato con Simona Fede, figlia di Emilio Fede.

Gli amori

È del 1960 l'incontro con il pittore Renato Guttuso. A casa del giornalista sportivo Rolly Marchi. Si rivedranno molto tempo dopo e si frequenteranno per 20 anni. Nel 2007, una polemica con un vescovo proprio su Guttuso. Dalle colonne di Avvenire, monsignor Angelici, parlò di una conversione del pittore in punto di morte. Ma Marta Marzotto contraddisse: “Renato era un ateo granitico e come tale è defunto”. Conobbe Lucio Magri, intellettuale di sinistra, a casa di Eugenio Scalfari, il giorno in cui nacque Repubblica (14 luglio 1976). Fu il terzo e ultimo grande amore.

Le feste e i salotti

Marta Marzotto amava i salotti. Come amava la mondanità e la moda. Celebri le sue feste in Sardegna, dove apparecchiava tutte le mattine per cento persone, che poi arrivavano. Nel 2006 ha creato un club per sole donne in un lussuoso hotel di Milano.

Libri: l’autobiografia di Marta Marzotto

VEDI ANCHE

Libri: l’autobiografia di Marta Marzotto

Riproduzione riservata