Meno sale, più salute

Ridurre il sale fa bene al cuore cuore. E con un piccolo aggiustamento all'alimentazione si può dare una grande mano alla salute  

Sei convinta che per dare sapore ai piatti il sale sia indispensabile? Vero, ma bisogna andarci piano, perchè secondo le ultime ricerche ne consumiamo troppo. Ridurre il sale, infatti, signfica proteggere il nostro organismo: la pressione arteriosa si abbassa e migliorano la funzionalità di cuore, reni e vasi. Vediamo, allora, quali sono le dosi consigliate e come possiamo garantire ai piatti sapidità senza eccedere nell'uso del sale. Lo facciamo con l'aiuto di Gloria Romeo, biologa nutrizionista presso l'Ospedale San Donato e in collaborazione con il Progetto Eat Alimentazione sostenibile del Gruppo ospedaliero San Donato

La dose consigliata

I medici raccomandano di non superare 1 cucchiaino da caffè al giorno, pari a 3-5 g. Noi italiani ne consumiano il doppio, più di 9 g, e il 75% deriva da prodotti conservati e precotti. Nel calcolo, oltre al sale da cucina, bisogna considerare anche quello presente in tanti prodotti industriali. 

Occhio al sale nascosto

Il sale è presente nei prodotti conservati (salumi e formaggi), trasformati (scatolame, patatine, snack), nei sughi pronti, nei surgelati, in crackers, pane e biscotti. Lo contengono anche i crackers “non salati” (non in superficie, ma nell'alimento).

Lo trovi anche:

nel prosciutto crudo (6 g ogni 100 g)

nel prosciutto cotto (3 g)

nel tonno in scatola (1 g ogni 62 g)

nel salmone affumicato (5 g ogni 150 g)

Per capire se un prodotto è ricco di sale, controlla la tabella nutrizionale degli alimenti che metti nel carrello quando fai la spesa. E considera questo valore di riferimento: deve essere inferiore a 1-1,2 g ogni 100 grammi.

Fra gli alimenti + ricchi di sale ci sono

salumi

formaggi

pizza

pane

grissini

salsa di soia

capperi 

dado per brodo

ketchup

4 trucchi per ridurre il sale

Se quando vai al super puoi controllare gli alimenti conservati che acquisti leggendo l'etichetta, a casa ridurre la quota di sale è più facile se cambi alcune abitudini:

1. non aggiungere il formaggio grattugiato sulla pasta

2. insaporisci carne e pesce con le erbe aromatiche

3. condisci le verdure e le insalate solo con il limone o l'aceto

4. non esagerare con la salsa di soia: è salatissima!

Tag:
Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te