Naked newborn baby peacefully sleeping
BTK0DR Naked newborn baby peacefully sleeping

Parto naturale dopo un cesareo? Io l’ho fatto

Prima il parto naturale dopo un cesareo era sconsigliato da quasi tutti i ginecologi. Adesso è una tendenza. E viene addirittura incoraggiato. Perché è considerato sicuro

La mia prima figlia è nata con il parto cesareo. E la felicità assoluta di stringerla finalmente fra le braccia è stata, lo confesso, un po' inquinata dalla frustrazione, dalla delusione di non essere riuscita a fare un parto naturale.

Certo, come tutte avevo una gran paura del travaglio, di quei dolori descritti da tante come insopportabili. Ma io desideravo tantissimo vivere quest'esperienza unica.

E ci sono rimasta malissimo quando, verso le 9 di sera, dopo 10 ore di travaglio (o almeno quello che a me sembrava tale) il ginecologo mi ha detto:  «Meglio non aspettare che tu sia sfinita oppure rischiare una sofferenza fetale e magari essere costretti a fare un cesareo d'urgenza».

Così ho acconsentito a malincuore e confortata solo dal pensiero che avrei visto nascere la mia bambina, perché mi avrebbero fatto l’anestesia epidurale.

È andato tutto benissimo: Francesca è nata senza fare fatica, con il viso disteso e roseo. E la delusione è stata immediatamenta sostituita dalla gioia inifinita.

Ma quando sono rimasta incinta la seconda volta il desiderio di ritentare con il parto naturale è diventato quasi una fissazione. Nonostante il ginecologo me lo avesse sconsigliato per via del rischio di rottura dell'utero.

Così mi sono informata per tempo e ho scelto di andare a partorire in un ospedale dove sapevo mi avrebbero davvero aiutata a tentare il cosiddetto "travaglio di prova".

E fino a qualche anno fa non era facile trovarne. Adesso è molto più semplice. Anzi, il Vbac (Vaginal Birth After Cesarean), cioè il parto vaginale dopo un cesareo, ora è una tendenza, come raccontiamo sul numero 42 di Donna Moderna, in edicola questa settimana, e on line oggi.

Tanto che l'Istituto superiore di Sanità ha messo a a punto delle apposite linee guida.

E continuano ad arrivare conferme e nuovi dati sulla sicurezza del Vbac anche dall'estero, come riporta qui Onda, l'Osservatorio nazionale per la salute della donna.

Nonostante anni fa fosse molto diverso e mi guardavano come se fossi pazza, io ero fermamente determinata a partorire naturalmente.

Mi sono anche "armata"  di rimedi omeopatici per favorire le contrazioni e la dilatazione del collo dell'utero. E alla fine ce l'ho fatta.

Non è stata una passeggiata, perché sono entrata in ospedale alle 7 del mattino e mia figlia è nata quasi a mezzanotte. E finché non mi hanno rotto artificialmente le acque, verso mezzogiorno, il travaglio vero e proprio non è partito.

Ma ne è valsa la pena. Perché non sono dolori qualsiasi: ti senti letteralmente attraversata dalla forza della natura. È una sensazione esaltante.

Un'esperienza che sono contenta di avere vissuto. Adesso, ripensandoci a distanza di tempo, ma anche subito dopo.

Perché quando il ginecologo mi ha chiesto: «Lei che li ha provati tutti e due, quale tipo di parto preferisce?», io ho risposto senza esitazione «Il parto naturale!».

Questo succedeva esattamente 16 anni fa. Perché oggi è il compleanno di mia figlia Margherita. Auguri amore mio! E auguri a tutte le donne che dopo un cesareo vogliono tentare il parto naturale.

 E voi come vorreste o come avreste voluto partorire?

di Annaleni Pozzoli

 

Riproduzione riservata