verdura

Dieta vegana, si può provare per disintossicarsi?

Ha senso fare la dieta vegana, magari a intermittenza, per disintossicarsi? Ecco cosa ne pensano i nutrizionisti

In Italia aumentano vegetariani e vegani. È vegetariano il 6,7% delle persone, vegano il 2,2% (in tutto, parliamo dell'8,9% della popolazione). Nel 2020, sulle base delle indicazioni arrivate all'Istituto di ricerca Eurispes (per il 32esimo Rapporto), vegetariani e vegani risultano in aumento rispetto al 2019 e al 2018, quando la percentuale totale era ferma rispettivamente al 7,1% e al 7,3%. Le motivazioni sono diverse: non solo il desiderio di adottare una dieta ritenuta più salutare rispetto a quella onnivora, ma anche la volontà di ridurre l'impatto ambientale degli allevamenti intensivi, principali responsabili delle emissioni di gas serra e dell'inquinamento idrico. «Nonostante questi numeri, però, in molti hanno ancora pregiudizi verso la scelta vegan. Si tende a pensare che si tratti di un'alimentazione a base di cibi esotici, strani e introvabili» affermano i responsabili di Essere Animali, associazione no profit che promuove questo tipo di alimentazione (info su essereanimali.org).

La dieta vegana

Seguire la dieta vegana è, infatti, meno complicato di quanto si creda: in sostanza, basta eliminare tutti i cibi di derivazione animale (perfino il miele!) e sostituire le proteine di carne, pesce, uova, latte e formaggi con quelle vegetali di fagioli, lenticchie, piselli, ceci e soia. «La difficoltà, semmai, è abbinare i cibi in modo corretto, in modo da evitare pericolose carenze nutrizionali: per esempio, solo consumando insieme legumi e cereali (come nella classica pasta e fagioli) ci si assicura tutti gli aminoacidi essenziali necessari per un apporto completo e soddisfacente di proteine» chiarisce la dottoressa Federica Piccolino, biologa nutrizionista.

Come evitare le carenze nutrizionali

Stesso discorso per il ferro: «Garantirsi un apporto adeguato di questo minerale non mangiando carne rossa è possibile se si punta sugli spinaci e sui legumi, ma è necessario accompagnarli a una fonte di vitamina C, come il succo di limone, per aumentarne l'assorbimento» prosegue l'esperta.

«Fondamentale, poi, è conoscere i cosiddetti "alimenti sostitutivi": per esempio, in mancanza del pesce, è bene consumare frutta secca e semi in abbondanza, come noci, mandorle, semi di chia o di lino, in modo da fare comunque il pieno di acidi grassi Omega 3, benefici per il cuore. Invece, in mancanza dei latticini, per accrescere l'apporto di calcio non bisogna farsi mancare i semi oleosi, come quelli di sesamo», precisa la dottoressa.

C'è, poi, la questione della vitamina B12, sostanza molto importante per il corretto funzionamento dell'organismo, in particolare nei bambini (se manca, si può andare incontro ad anemia e danni del sistema nervoso) e presente solo nei cibi di origine animale: «I vegani devono inevitabilmente fare ricorso agli integratori», raccomanda l'esperta. Per il resto, adottare la dieta Veg può solo far bene, perché vuol dire privilegiare frutta, verdura, cereali e stare alla larga dai grassi saturi di origine animale, di cui la nostra alimentazione è fin troppo ricca: «Non solo, essere vegani significa anche ridurre drasticamente l'assunzione di sostanze come antibiotici e ormoni, di cui, purtroppo, molte delle carni in commercio abbondano», aggiunge la nutrizionista.

Ha senso fare i vegani a intermittenza?

Ma ha senso provare la dieta vegana, per esempio per una settimana, magari per disintossicarsi? «Il veganesimo a intermittenza può servire per disintossicarsi, per diminuire il carico calorico quando si deve perdere qualche chilo o per apprendere a piccoli passi uno stile di vita più a misura d'uomo, cosa che di questi tempi non fa davvero male», dice la dottoressa Piccolino. Che, però, aggiunge: «Non c'è bisogno di diventare vegani per essere consumatori attenti alla salute e all'ambiente. Basta, infatti, una dieta onnivora, purché a base di ingredienti semplici e naturali, priva di alimenti industriali e raffinati e nella quale ci sia spazio per tutti i nutrienti essenziali. Il modello mediterraneo, che prevede frutta e verdura in abbondanza, cereali, preferibilmente integrali, proteine magre della carne bianca, del pesce e dei legumi, oltre a semi e frutta secca, infatti, non ha nulla da invidiare al regime vegano e ci mette al riparo da qualsiasi tipo di carenza».

I vegani possono fare sport?

VEDI ANCHE

I vegani possono fare sport?

Bambini vegani: cosa ne pensano i pediatri?

VEDI ANCHE

Bambini vegani: cosa ne pensano i pediatri?

Riproduzione riservata