Come digerire dopo aver mangiato troppo

Credits: Shutterstock

Cosa fare prima, durante e dopo i pasti abbondanti per digerire velocemente pranzi e cenoni natalizi 

Temperature in picchiata e periodo festivo in avvicinamento significa godersi il calore di casa e coccolarsi con leccornie e prelibatezze in compagnia delle persone più care.

Certo è che la maratona di pranzi e cenoni durante le vacanze natalizie, alla lunga può risultare impegnativa per stomaco e intestino. Ecco qui qualche consiglio per allontanare gonfiore e pesantezza dalla tavola delle feste.

Cosa fare prima di un pasto abbondante

Anche se apparentemente mangiare molto poco o addirittura digiunare prima di un pasto abbondante potrebbe sembrare un’ottima idea per gustare quante più prelibatezze senza troppi sensi di colpa, in realtà, se si arriva a tavola molto affamati, si rischia non solo di consumare un’eccessiva quantità di cibo ma anche di mangiare troppo velocemente, con il conseguente rischio di mal di stomaco e disturbi nella digestone.

Meglio quindi fare colazione o pranzare con alimenti ricchi di fibre, così da mantenere attivo il sistema digestivo.

Inoltre, un paio d'ore prima di iniziare a banchettare, può essere utile e divertente proporre a tutto il gruppo di commensali di fare una camminata o una breve escursione, così da stimolare il metabolismo e aumentare l'appetito.

Cosa fare durante un pasto abbondante

L’atmosfera è allegra e festosa, amici e parenti sono accomodati, il cibo è in tavola e i bicchieri sono pieni. Finalmente si banchetta!

Se si è determinati a fare incetta di carne e purè di patate, è bene non sentirsi in colpa se si lasciano da parte i cavolini di Bruxelles: verdure come cavolfiori, cavoli, broccoli, ceci, fave, lenticchie e fagioli, infatti, impiegano molto tempo per essere digeriti e potrebbero ostacolare l’assorbimento da parte dell’organismo anche degli altri alimenti consumati.

Piuttosto, è consigliabile fare in modo di bere molta acqua durante tutto il pasto: l'acqua infatti consente di mantenere idratato l’organismo e quindi supportare la funzionalità dell’apparato digerente. Inoltre, può contribuire a sentirsi più sazi in meno tempo, così da limitare l’eccesso di cibo.

Cosa fare dopo un pasto abbondante

Dopo aver finito di mangiare, è consigliabile continuare a bere piccole quantità di acqua. Per favorire la digestione, si può anche optare per una tisana con il limone o lo zenzero, che oltre ad idratare le cellule che compongono il sistema digerente, esercita un’azione benefica su stomaco ed intestino.

Trascorsa un’oretta dal termine del pasto, infine, è consigliabile dedicarsi ad un po’ di movimento, ad esempio camminando per circa trenta minuti a ritmo moderato. Attenzione a coprirsi bene, perché gli sbalzi di temperatura possono contribuire a rallentare (o anche peggio, bloccare) la digestione.  

Riproduzione riservata