Scarpe per il running: come sceglierle e quali acquistare

Credits: Shutterstock

Le scarpe sono un accessorio fondamentale per il running. Scopri come sceglierle 

Correre è una delle attività preferite, soprattutto dalle donne. Low cost, la corsa promette quasi miracoli e non solo dal punto di visa della silhouette. Correre fa rilasciare endorfine, migliora l'umore, rilassa, allenta la tensione e rende persino la mente più lucida

Per il running non hai bisogno di chissà quale equipaggiamento. Sono necessari, infatti, solo indumenti sportivi traspiranti e comodi. Per esempio, la biancheria intima sportiva e non reggiseni col ferretto o slip che segnano. Ed è importante anche vestirsi a cipolla, per non sudare né raffreddarsi in caso di vento. 

L'accessorio cruciale per correre è però la scarpa. Scegliere le scarpe da running è un'operazione che richiede attenzione perché anche dalle scarpe dipenderanno la qualità e la riuscita del tuo allenamento. 

Scarpe da running: come si classificano

Esiste una vera e propria classificazione delle scarpe da running, che va dalla dicitura A0 alla dicitura A7. Le variazioni dipendono dalla leggerezza e dal tipo di terreno che si va ad affrontare. 

La scarpa A0 è minimalista ed è adatta a chi compie molte ripetute veloci: è una calzatura senza orpelli. La A1 è superleggera con peso inferiore a 250 grammi, mentre la A2 è una scarpa intermedia. Le A3 sono le scarpe da running più gettonate perché sono "neutre" con ottimi ammortizzatori. 

Il modello A4 è definito stabile e si adatta perfettamente a chi non appoggia in modo ideale il piede durante la corsa, per diversi difetti di postura. La scarpa A5 è la trail running, la A6 è la jogging vera e propria adatta sia ai principianti sia a chi percorre terreni sconnessi.

Infine, il modello A7 è la scarpa da running chiodata, con i tacchetti. Questo modello è adatto solo per correre su pista e in gara perché è privo di ammortizzatori. 

La misura giusta

La prima caratteristica da valutare quando acquisti le scarpe per la corsa è la misura. Potrà stupirti ma l'errore più comune che si compie nell'acquisto è scegliere la scarpa della misura sbagliata. Magari perché si è convinte di portare un numero e invece ogni brand ha una vestibilità differente.

E poi, con l'età e persino con le variazioni di peso, il piede cambia nella sua forma. Se compri online, prova prima il modello "dal vivo" e su entrambi i piedi. Scoprirai così il tuo numero perfetto, mezze misure comprese. 

Ben ammortizzate

Le scarpe da running devono essere perfettamente ammortizzate, di qualsiasi marca siano. Anche le marche più economiche, infatti, hanno scarpe in grado di ammortizzare l'impatto con il terreno. Anzi, sono presenti in commercio diversi gradi di ammortizzatori a seconda del tipo di terreno: sterrato, asfalto, indoor sul tapis roulant...

Se corri con una scarpa che non attenua l'impatto con il suolo, rischi di riportare ripercussioni anche serie alle articolazioni. E questo vale anche e soprattutto per chi ha caviglie e ginocchia "deboli". La corsa, infatti, è fatta di continue vibrazioni e saltelli che vanno a toccare proprio le articolazioni più fragili. 

Leggi anche: Quando correre fa male?

Leggere 

La terza caratteristica di cui tener conto, quando acquisti le scarpe da corsa, riguarda la loro leggerezza. I modelli più nuovi di scarpe da running sono leggerissimi. E il motivo riguarda proprio la performance e il comfort durante la corsa.

Se le scarpe sono leggere la spinta è maggiore, si corre meglio, la corsa è più fluida e confortevole. In tal senso, è meglio spendere un po' di più per un accessorio performante e potersi allenare al top delle condizioni. 

I modelli consigliati

Questi modelli di scarpe da running sono ammortizzati, leggeri e pensati appositamente per la corsa. Non dimenticare di abbinare calzini per il fitness, in materiali perfettamente traspiranti e confortevoli come una seconda pelle. Ogni dettaglio, infatti, fa la differenza. 

1. Per chi inizia


Un modello di scarpe da running adatto a tutte, anche alle principianti. Anzi, ti consigliamo questo modello se corri in modo regolare ma non ogni giorno.

In tessuto sintetico traspirante e impermeabile, le scarpe hanno una vestibilità regolare in larghezza e, quindi, si adattano a ogni tipologia di piede. Morbide e colorate, conferiscono allegria alle tue falcate. Perfette anche per alternare camminata veloce e corsa. 

2. Da battaglia

Affronta tutti i terreni, dall'asfalto allo sterrato. Con questo modello, iperfemminile nel colore fucsia, potrai dedicarti al running ogni giorno. In tutta tranquillità.

La parte interna della scarpa è particolarmente confortevole perché in morbido tessuto, quindi si tratta di un ottimo paio di scarpe anche per chi tende a soffrire di vesciche. 

3. Anche per la corsa indoor

<p class="p2"><br></p>


Un modello unisex e dai colori neutri, ma molto chic. Queste scarpe da running, ottime anche quando inizi a correre, sono adatte sia alla corsa outdoor sia all'allenamento sul tapis roulant in palestra o a casa. 

Evita soltanto di indossarle per la corsa all'aperto se piove e se corri su un terreno fangoso o con pozzanghere. Hanno una pratica soletta estraibile. 

4. Sempre più veloce, in leggerezza

Una scarpa da running che farà felici le appassionate di corsa, anche le più esperte. Performante, leggera, si adatta a qualsiasi tipo di terreno. 

Per allenarti all'aperto in ogni stagione o sul tapis roulant. Ben ammortizzate, evitano che le tue articolazioni risentano delle vibrazioni date dall'impatto con il suolo. 

Contenuto sponsorizzato: Donnamoderna.com presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Donnamoderna.com potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificare disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

Riproduzione riservata