Ecco perché si ha la sensazione di cadere nel vuoto nel sonno

Credits: shutterstock

Spesso accade mentre stiamo per addormentarci: lo spasmo ipnico è più frequente di quel che si pensi. Ecco come accade

Di frequente accade mentre stiamo per addormentarci, tuttavia la sensazione di cadere può essere anche un vero e proprio sogno e avvenire durante la fase REM. Innanzitutto, è bene distinguere questi due casi, che costituiscono situazioni differenti. Perché si ha la sensazione di cadere nel vuoto nel sonno?

A tutt'oggi le cause non sono del tutto chiarite. L'uso di sostanze eccitanti, come la caffeina, potrebbero essere associati all'insorgenza del fenomeno insieme a fattori quali lo stress, in grado di alterare il ciclo sonno-veglia incidendo negativamente sul riposo e sulla capacità di rilassamento.

Tuttavia, un'ulteriore ipotesi spiega che il meccanismo dello spasmo ipnico potrebbe essere un riflesso arcaico risalente alla Preistoria. Il cervello interpreterebbe il rilassamento muscolare in modo erroneo effettuando una sorta di caduta preventiva.

Senso di vuoto prima di dormire

Lo spasmo ipnico è caratterizzato da una contrazione involontaria dei muscoli: il mioclono, dal greco scossa muscolare, è ciò che provoca la sensazione di cadere, che a molti è capitato di sperimentare durante il sonno. In genere, il risveglio è improvviso e dopo poco ci si riaddormenta. A differenza dello spasmo ipnico durante la fase REM, quando il fenomeno avviene nel momento dell'addormentamento presenta caratteristiche diverse.

In questo caso infatti, ci troviamo nel passaggio fra veglia e sonno: durante questa fase l'organismo gradualmente va incontro a una riduzione del tono muscolare, si abbassa la frequenza respiratoria. Sembra che lo spasmo ipnico nell'addormentamento possa riguardare una sorta di fase di adattamento del corpo che progressivamente procede verso l'abbandono dell'attività cosciente per lasciarsi andare a un rilassamento sempre più profondo.

Il sussulto che proviamo insieme al senso di vuoto sarebbe correlato, quindi, al calo di tensione vissuto a livello organico quando si interrompono i segnali sensoriali propri della veglia e la riduzione del tono muscolare: mentre si avvicina il sonno, i muscoli iniziano a rilassarsi e allentiamo il controllo.

La sensazione di cadere evoca fortemente la perdita di controllo, che in questo caso potrebbe essere correlata con la fase di rilassamento durate la quale ci prepariamo ad affidarci al sonno. Eventi emotivamente importanti, o la presenza di un periodo stressante, possono influire sulla capacità di rilassamento; da tenere sotto controllo anche l'assunzione di caffeina e un'attività fisica eccessiva durante le ore serali.

In genere, lo spasmo ipnico è considerata una manifestazione benigna non preoccupante, che non necessita particolare cure. Sembra che il picco di frequenza riguardi soprattutto i bambini della fascia d'età fra 8 e 12 anni, per poi ridursi.

Sognare di cadere: le interpretazioni

Ti è mai capitato, invece, di sognare di cadere? Un aspetto utile da considerare, quando ci soffermiamo a ricordare un sogno, è l'emozione ad esso legata. Secondo l'etnopsichiatra francese Tobie Nathan i sogni che facciamo portano con sé un messaggio che abbiamo davanti agli occhi, ma che nella vita di tutti i giorni non sappiamo vedere: in un certo senso, ciò che per motivi diversi, o implicazioni emotive, respingiamo o fatichiamo a osservare nell'esistenza quotidiana, l'inconscio ce lo restituisce durante le ore notturne, travestito sotto forma di metafora.

Un'emozione che spesso appare legata alla sensazione di cadere riguarda la paura, oltre al senso di sorpresa e mancanza di controllo: la percezione, quasi materiale, di un sovvertimento improvviso e radicale, impossibile da contrastare, la sensazione che manchi la terra sotto ai piedi. A livello psicologico, questo tipo di emozioni può essere legate al timore profondo verso un periodo di cambiamento, che forse dentro di noi non abbiamo ancora del tutto metabolizzato, così come alla sensazione di non poter esercitare a sufficienza il proprio controllo sulle cose.     

Ricorda che, al di là dei tentativi di interpretazione, ogni sogno è profondamente tuo perché il significato è strettamente correlato agli eventi che ti è capitato di vivere, il periodo che stai attraversando, oltre alle convinzioni che ognuno di noi nutre riguardo ai propri limiti e capacità. Ecco perché è fondamentale riandare con la mente alle sensazioni sperimentate durante il sogno e chiedersi qual è il senso rispetto a ciò che si sta vivendo.

L'insicurezza che proviamo verso un periodo specifico della vita o verso le nostre capacità potrebbero avere un ruolo e comunicare un disagio che è tempo di affrontare. Stai vivendo qualcosa che ti angoscia o su cui credi di non avere sufficiente potere? La sensazione del vuoto porta con sé la sensazione di perdita legata a paure che tutti noi abbiamo, dal lavoro alla morte delle persone care: avvicinarsi a queste emozioni significa dare loro spazio. Perché l'unico modo per affrontare le emozioni è attraversarle, sentirle sulla pelle, consapevoli che ognuna di esse, anche la più difficile, fa parte della nostra vita.

Sognare qualcuno che cade

Hai sognato di vedere qualcuno che cade? La paura della perdita in questo caso potrebbe costituire una riflessione utile. Ma attenzione, non sempre il significato ha un'implicazione negativa. L'azione di cadere, o assistere alla caduta di qualcuno, racconta l'equilibrio… e la sua mancanza improvvisa, una gestione faticosa delle forze. Cadere da un burrone, o da un grattacielo, significa incontrare la gravità e sperimentare (per fortuna solo in sogno!) la paura per la propria vita: lo shock al risveglio può trasformarsi nella sensazione che abbiamo oltrepassato un limite.

Sì, siamo caduti e metaforicamente, cadendo, ovvero perdendo i nostri punti di riferimento abituali, abbiamo sperimentato che siamo sopravvissuti: possiamo tuffarci nel cambiamento che si profila all'orizzonte e, chissà, forse nel prossimo sogno trasformare la sensazione di cadere nella meraviglia di imparare a volare.

Riproduzione riservata