Come usare (correttamente) la coppetta mestruale

Credits: Shutterstock

Tutte ne parlano ma ancora poche la usano. Eppure ha finito per cambiare la vita a moltissime ragazze. Ma le domande sono molte: cerchiamo di fare chiarezza

Tornata di moda con il risveglio delle anime green, ha finito per cambiare la vita di moltissime ragazze. La coppetta mestruale è una piccola grande rivoluzione tutta al femminile e soprattutto una valida alternativa agli assorbenti usa-e-getta, più sicura, più pratica, economica e, certamente, più ecologica. Grazie alla coppetta mestruale infatti ci si può sentire maggiormente libere durante i giorni più "difficili" del mese e imparare a vivere il ciclo con più serenità.

Che cos'è

Per chi ancora non la conoscesse, la coppetta mestruale è una vera e propria coppetta di silicone a forma di calice o tulipano, che si inserisce nella vagina e va a sostituire completamente l'utilizzo degli assorbenti, sia interni che esterni.

Ci sono due tipi di coppetta mestruale: la più comune e diffusa è sagomata e a forma di campana, fatta di gomma, latex o silicone e che, se utilizzata correttamente ogni mese, può durare fino a 10 anni. Il secondo tipo, meno conosciuto, è noto come Instead e assomiglia molto al più classico diaframma.

La coppetta mestruale non si sente. O almeno non si dovrebbe sentire. Il segreto per capire se l'hai indossata correttamente sta proprio nella sua impercettibilità: a differenza degli assorbenti esterni o dei tamponi, la coppetta mestruale non dovrebbe provocare alcun fastidio, dolore o bruciore. E, in ogni caso, le coppette sono particolarmente adatte anche per chi soffre di fastidi provocati dagli assorbenti, perché realizzate in materiale anallergico - non viene trattata con sbiancanti o cloro e non contiene sostanze profumate o altri componenti in grado di provocare allergie. In più è completamente azzerato il rischio di infezioni.

Coppetta mestruale: le migliori da acquistare su Amazon

Tre coppette femminili, tre possibili scelte. Tutte validissime, vediamole insieme

Mooncup: la coppetta mestruale ecologica

È normale che chi incominci ad usare la coppetta sia scettico all'inizio. Funzionerà? Avrò delle perdite? Riuscirò a toglierla facilmente?
Questa coppetta ha rivoluzionato completamente le abitudini di chi usava l'assorbente intero/esterno e tutt'oggi è la scelta di centinaia di donne (anche con flussi abbondanti) che cercano libertà e spensieratezza.

Questa Mooncup fa molta presa, tipo ventosa, e questa sua efficenza la rende sicura anche nei giorni di ciclo più intensi, inoltre non contiene alcun tipo di sbiancante, deodorante e gel: nessuna irritazione, nessuna sensazione spiacevole. Chi la utilizza la trova sicura al 100%, anche al mare, in bici, in palestra, in metropolitana: praticamente ovunque! La sua capienza consente infatti di stare fuori casa per ore senza dover intervenire in alcun modo. Comoda, no?

Credits: Shutterstock

Rainbowcup: le coppette mestruali ad hoc

Questa coppetta realizzata in silicone anallergico è unaa soluzione innovativa e sicura, una garanzia certificata ad un prezzo competitivo. Naturalmente questa coppetta ha a cuore l'ambiente e il suo utilizzo riduce la produzione di rifiuti. Rainbowcup rispetta la natura, sia quella della flora vaginale che quella dell'ecosistema.

Per chi ha meno di 30 anni e non ha ancora affrontato un parto, consigliamo la taglia 1, più rigida e tonica, per chi invece ha già vissuto l'esperienza di un parto (o più di uno) allora suggeriamo l'utilizzo della taglia 2, più elastica e morbida. Grazie alla possibilità di scelta Rainbowcup è adatta a tutte le donne e a tutte le situazioni: è sufficente leggere il listino delle taglie per decidere quale coppetta fa più al caso tuo!

Credits: Amazon

Sileu cup: la coppetta mestruale classica

Questa coppetta si adatta alle pareti vaginali in ogni momento e situazione della giornata, senza doversi preoccupare che si muova. Sileu aiuta chi non l'ha mai usata a scoprire la sua taglia ideale, ma anche il grado di flessibilità di ogni coppetta su una scala da 0 a 10 (massimo valore di flessibilità) in base alle proprie abitudini. Si va dal modello Soft (flessibilità 8), al modello Tulip (flessibilità 5) fino al modello Sport (flessibilità 1). Questo, per esempio, è particolarmente adatto per gli atleti o donne molto attive fisicamente, che hanno rafforzato pareti vaginali e richiedono un silicone meno flessibile, per una vestibilità ottimale.

Perché la consigliano in tante? Perché funziona. Il silicone chirurgico ipoallergenico assicura una biocompatibilità con il nostro corpo e non contempla la possibilità di infiammazioni, irritazioni e reazioni allergiche. Il suo costo è ammortizzato in 2 mesi e la sua resistenza vi farà risparmiare ben 10 anni di assorbenti, assicurando protezione dalle perdite e igiene fino a 12 ore.

Credits: Amazon

Come si utilizza

Ma come si utilizza? Si inserisce quasi come un assorbente interno in vagina e può essere utilizzata in qualsiasi momento del ciclo mestruale. Naturalmente, proprio come i tamponi, ne esistono di diverse dimensioni, che si adeguano alla conformazione della vagina. E può essere usato e applicato del lubrificante per facilitare l’inserimento, anche se la lubrificazione del mestruo di solito è sufficiente.

Di norma andrebbe cambiata ogni 8-12 ore, ma in caso di flusso abbondante sarà necessario svuotarla più spesso (la prima volta quindi bisognerà sperimentare un po' per scoprire per quanto tempo lasciarla inserita prima che inizino le perdite). Per rimuovere la coppetta mestruale è sufficiente spingere verso il basso con la muscolatura pelvica, togliere il vuoto d’aria infilando un dito accanto alla coppetta ed estrarre tirando la linguetta.

Per una corretta igiene, oltre a lavarsi accuratamente le mani prima di inserirla e toglierla, è consigliabile sciacquare la coppetta e lavarla con un detergente intimo o comunque neutro.

Infine fra un ciclo e l'altro, la coppetta va sterilizzata mediante bollitura (bisogna immergere la coppetta in abbondante acqua bollente per 6 minuti), con gli sterilizzatori a vapore che possono essere inseriti nel microonde oppure con i prodotti disponibili in commercio per la disinfezione di biberon e tettarelle per neonati.

Insomma non sempre un oggetto usa-e-getta è sinonimo di comodità e di praticità. E poi in questo modo non bisognerà tenere sempre gli assorbenti in borsa. Perché non provare allora?

Contenuto sponsorizzato: Donnamoderna.com presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Donnamoderna.com potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificate disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

Riproduzione riservata