Allergie ai tessuti: sintomi e rimedi per la dermatite da contatto

Credits: shutterstock

Anche i capi d'abbigliamento possono nuocere alla salute e le dermatiti allergiche da tessuto sono sempre più frequenti: scopri quali sono i sintomi e cosa puoi fare per porre rimedio a questo problema

Allergie ai tessuti: sintomi e rimedi della dermatite da contatto

Quante volte ti è capitato di acquistare un capo di abbigliamento dal colore ammaliante che, una volta indossato, ha scatenato una serie infinita di puntini, gonfiore o arrossamento?

Si tratta di una reazione allergica, definita dermatite da contatto. Le dermatiti allergiche da contatto sono sempre più diffuse e sono causate dai tessuti con cui la nostra pelle è a contatto: una reazione quindi del nostro sistema immunitario ad una determinata sostanza (allergene). Il nostro organismo in presenza di questa sostanza (che riconosce tossica) produce una risposta infiammatoria. Ma come riconoscere una dermatite allergica da tessuti?

Sintomi della dermatite allergica da tessuti

  • arrossamento diffuso, spesso associato a gonfiore e chiazze,
  • punti rossi e, nei casi più gravi, piccole vesciche piene di liquido.
  • prurito intenso.

Scopriamo quali sono i materiali responsabili ecosa possiamo fare per alleviare il fastidio.

Allergia ai tessuti: quali sono i materiali a rischio

- Ci sono fibre che scatenano reazioni allergiche come ad esempio i tessuti sintetici quali nylon, filanca, lycra e perlon, con i quali si realizzano abiti, costumi da bagno, tute, collant, reggiseni, slip e body. Le fibre sintetiche impediscono la traspirazione, il sudore ristagna sulla pelle e la irrita.

- A volte anche la lana, pur essendo una fibra naturale, può causare allergie perché il tessuto, riscaldando molto il corpo, causa un’eccessiva sudorazione.

- Molto spesso poi, i responsabili della reazione allergica ad un certo tessuto non sono le fibre stesse ma gli agenti chimici con cui le fibre sono trattate.

- Altre volte, all'origine dell’allergia possono esserci il detersivo, la candeggina, gli sbiancanti o l'ammorbidente utilizzati. 

Un altro consiglio. Non ci sono solamente maglie, maglioni o T-shirt a scatenare le dermatiti da contatto: fai attenzione anche a lenzuola, asciugamani e biancheria da bagno e infine alla presenza di nichel nelle cerniere e nei bottoni di metallo perché possono essere un’altra causa di reazioni allergiche della pelle.

Come diagnosticare l'allergia: i test da fare

Occorre capire se le irritazioni sono dovute a un determinato indumento oppure se si tratta di 'fastidi' stagionali. Si deve quindi verificare se l’allergia causa prurito e arrossamento soltanto nei punti di contatto o se si estende ad altre parti del corpo.

Ci sono due modi che ti permettono di identificare gli allergeni responsabili del fenomeno: 

  • il prist test
  • il patch test

Il Prist test è un semplice esame del sangue utile per capire se si è allergici a qualcosa: Questo prelievo identifica solo il valore delle IgE (la concentrazione di questi anticorpi) nel sangue ma non identifica la sostanza responsabile dell'allergia, mentre il Patch test si esegue direttamente sulla pelle, con l'applicazione di cerotti con sostanze ritenute sospette dell'allergia e permette di identificare gli allergeni responsabili del fenomeno.

Quali sono i rimedi per l'allergia ai tessuti

Una volta individuata la sostanza responsabile dell'allergia è bene evitare il contatto con essa. 

Se per caso ti capita di entrare in contatto con capi o sostanze che possono causare allergie puoi assumere un antistaminico per bocca o spalmare localmente una crema cortisonica (ma attenzione perché deve essere il medico a fare la prescrizione!) e, nel frattempo aiutarti con acqua e amido di riso per calmare l'irritazione e lenire il prurito o impacchi con talco a base di ossido di zinco.

Quando si va a fare shopping quindi oltre a valutare il capo per bellezza, praticità, griffe e gusto, diamo un'occhiata alla composizione dei capi, potremmo evitare l'insorgere di allergie da contatto oltre a far bene al nostro ambiente.

Riproduzione riservata