Allenati al mare 

Passeggiare può trasformarsi in un training vero e proprio. Che tonifica, riattiva la circolazione e fa bene anche all'umore. Ma non si tratta dei soliti due passi che fai distrattamente da casa all'ufficio. Bisogna conoscere i trucchi giusti e sapere come metterli in pratica. I risultati sono assicurati

di Maddalena Fossati  - 05 Aprile 2006

Il walking nasce proprio al mare. È sulle spiagge della California che gli americani hanno sperimentato i benefici di una camminata tonica.

IN SPIAGGIA

Se ti alleni sulla sabbia puoi camminare scalza. Così abbini gli effetti della marcia al massaggio della sabbia sotto la pianta dei piedi. Evita, però, le spiagge dove c'è un dislivello molto irregolare. «Si rischia di sollecitare troppo le articolazioni delle caviglie, delle ginocchia e delle anche, con ripercussioni anche sulla schiena» spiega Fabio Giuliani. Cerca sempre, quindi, una superficie in piano.

IN ACQUA

Se la temperatura lo permette, cammina in mare, con l'acqua che ti arriva ai polpacci. Sappi che, con la resistenza dell'acqua, farai molta più fatica. Fai, quindi, dei passi più brevi e dimezza i tempi di allenamento. Per evitare crampi e contratture muscolari, bagna i piedi gradatamente prima di immergerli completamente.

LA POSTURA

Guarda diritto davanti a te. È il segreto per migliorare la postura e non inarcare le spalle. In più aiuta a trovare la motivazione giusta. Se fissi il traguardo da raggiungere non smetterai di camminare fino a quando non sarai arrivata.

L'ORARIO

Se ami allenarti al tramonto o la sera quando fa buio, evita di camminare a piedi nudi: potresti ferirti inciampando in qualche sasso o in qualche conchiglia. Per essere ben visibile, usa indumenti molto colorati o attacca una striscetta di nastro adesivo catarifrangente sulle scarpe o sulla felpa.

IL RITMO

Tra il rumore del mare, il vento e le difficoltà di camminare sulla sabbia o in acqua, può essere difficile mantenere un'andatura costante. Per aiutarti a trovare il ritmo giusto, il segreto è ascoltare un po' musica. Usa un iPod o un lettore di cd portatile e, seguendo il ritmo delle canzoni, riuscirai a mantenere un passo costante. La musica migliore?  Quella che ti dà sprint e voglia di muoverti.

LA PROTEZIONE

Ricorda di mettere un berretto con la visiera. I raggi, riflettendosi sul mare, sono intensi anche in primavera. Per evitare leggeri malesseri o cali di pressione è sempre consigliabile indossare un cappellino.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/In-forma/allenati-al-mare$$$Allenati al mare
Mi Piace
Tweet